Premiata l’idea di Sarha Manginelli: un’oasi solidale a via dei glicini a Marino

© Tutti i diritti riservati. Puoi condividere questa immagine seguendo la nostra policy

E’ stata premiata il 12 aprile a palazzo Colonna dal Sindaco Carlo Colizza e dall’Assessore ai Servizi Sociali Barbara Cerro la vincitrice del Concorso di idee finalizzato ad acquisire una proposta per l’utilizzo dell’immobile di Via dei Glicini a Marino.

Si chiama Sarha Manginelli, 36 anni, pugliese di origine e marinese di adozione in quanto residente da qualche anno nella nostra città, Alle spalle anni di studio e specializzazioni con Master in Europrogettazione.

Il suo progetto denominato OASI SOLIDALE ha convinto la Commissione esaminatrice – composta dai due Presidenti dott.ssa Ludovica Iarussi e dott.ssa Simona Polizzano, dall’arch. Luigi Costanzi e dalla dott.ssa Sabrina Patriarca – che le ha attribuito il massimo dei voti previsti dal bando per ogni categoria: Originalità 2, Qualità e completezza del progetto 2, Fattibilità 3, Costi di realizzazione 3, per un totale di 10 punti.

La proposta progettuale di Sarha Manginelli intende promuovere la cultura del riuso quale lotta allo spreco non solo alimentare ma che riguardi tutte le categorie di consumo. Al suo interno prevede l’organizzazione di corsi di formazione affinché i partecipanti diventino consapevoli delle loro potenzialità al fine del reinserimento nel mondo del lavoro; mettere a disposizione della comunità l’immobile in quanto parte del patrimonio e renderlo autosufficiente grazie all’autoproduzione di energia rinnovabile. Il Sindaco si è complimentato con la vincitrice per la capacità progettuale dimostrata attraverso l’elaborazione della proposta anticipando la volontà di esaminare eventuali altri suggerimenti in tema di Progetto Europeo Erasmus Plus (un progetto di mobilità riservato ai giovani tra i 18 e i 30 anni anche in condizioni di disagio sociale) ed Europa dei cittadini, materie predilette dalla Manginelli.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook1Share on Google+0

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*