IPO’ di Marino propone l’incontro “Giorgiana Masi e ’77”

Pubblichiamo di seguito il comunicato stampa su una iniziativa promossa dall’IPO’ di Marino per il 12 maggio.

PROPOSTA INCONTRO. GIORGIANA MASI E ’77

Lo scorso 12 marzo abbiamo iniziato una riflessione sui fatti e la portata politica del 1977, confrontandola con la situazione attuale. Il confronto ci è sembrato interessante e partecipato.
Nel quarantennale dell’uccisione di Giorgiana Masi, tentiamo di dare continuità a quella riflessione.
Già dieci anni fa avevamo letto il ’77 come frutto del lavoro di massa sviluppato ininterrottamente dal 68/69.
Il ’77 dunque, come mobilitazione forte di autodifesa contro le pratiche antipopolari dei governi dell’epoca, contro le provocazioni fasciste,
ma anche contro il tentativo di chiudere la fase sul terreno della socialdemocrazia repressiva.
Le organizzazioni sindacali con i congressi dell’EUR della fine del ’76, sposano definitivamente la politica dei redditi mettendo una pietra tombale
sul protagonismo operaio del decennio trascorso. Il PCI di Berlinguer viene assunto nell’area di governo portando in dote la sconfitta dei movimenti antagonisti.
Nel ’77 il movimento non fece scoperte particolari, ma confermò con forza ed evidenza gli assunti del decennio precedente: rifiuto della delega,
autonomia di classe, rigetto della divisione tra lotta sindacale e lotta politica, aspirazione anticapitalistica senza mediazioni, anche accettando il
confronto con lo stato sul terreno della forza evitando il pozzo nero della clandestinità.
Il 12 marzo 1977 ha rappresentato in strada questi passaggi; la cacciata di Lama confermò la definitiva perdita di autorità del sindacalismo ufficiale
rispetto al movimento; il 12 maggio è stata la conferma tragica di quella fase. Le assemblee avevano deciso di scendere in piazza utilizzando la scadenza radicale proprio per rompere i divieti di Kossiga, contro il divieto di
manifestare istituito dopo gli scontri del 21 aprile e la morte dell’agente Passamonti. La polizia di Kossiga ha segnato quella giornata non solo perchè ha ucciso una studente diciottenne, ma perchè riuscì a provocare una degna
risposta popolare anche prima dell’uscita del movimento dalle proprie sedi avvenuta solo al tramonto.
Dalle ore 14.00 alle 19.00 i pistoleri di Kossiga rimasero inchiodati su corso Vittorio da un aggregato sostanzialmente inerme e disomogeneo. Allora ci chiediamo se quelle dinamiche e quelle proposizioni politiche non siano più riproponibili; se vada accettato il comportamento prevalente
oggi che affida al sindacalismo di base tutto ciò che si muove nei posti di lavoro (se si muove); se va accettato di delegare l’aspetto “politico” ad
un ibrido fatto di centri sociali “accreditati” e poche vertenze reali strutturalmente incapaci di investire la condizione popolare nel suo complesso;
di stabilizzarsi nei territori e ricadendo sempre più spesso nello scadenzismo rituale.
A nostro parere va data continuità al metodo e all’intenzione politica conquistata negli anni 70, confermata nel ’77 anche dentro l’attuale fase bassa
della conflittualità anticapitalistica; anche perchè dilaga la crisi del sistema delle imprese e quelle strade di movimento rimangono irrinunciabili. Parliamone ancora a Marino al c.s.o.a. Ipò domenica 14 maggio ore 17.30. PROIEZIONI, MOSTRE, GIORNALI DEL ’77, LIBRI, CENA A SOTTOSCRIZIONE.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook0Share on Google+0

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*