L’assessore Trinca lancia l’iniziativa: ‘Ridisegnamo Marino’! Dal cemento di Palozzi all’urbanistica partecipata, un sogno che si realizza

© Tutti i diritti riservati. Puoi condividere questa immagine seguendo la nostra policy

Parte il 16 maggio un ciclo di conferenze intitolato “Ridisegniamo Marino” fortemente voluto dall’assessore  all’Urbanistica Andrea Trinca. Il sottotitolo del primo incontro è davvero accattivante “Salvare il Territorio dal Degrado? Le Tecniche dell’Ingegneria naturalistica”. Una vero rovesciamento di paradigma dopo gli anni bui del cemento ad ogni costo di Palozzi e il centrodestra. Un sogno che si realizza per molti che a Marino hanno da anni combattuto gli inciuci tra politica e cemento. Di seguito la nota integrale del Comune.

La Redazione

Si terrà martedì 16 maggio 2017 dalle ore 17,00 alle ore 19,00 presso la Sala Lepanto di palazzo Colonna a Marino l’Incontro-Dibattito sul tema “Salvare il Territorio dal Degrado? Le tecniche dell’Ingegneria Naturalistica” promosso dall’Assessorato all’Urbanistica del Comune di Marino.

L’evento, che si avvale della collaborazione dell’Associazione italiana per l’Ingegneria Naturalistica e dei Volontari del Touring Club Italiano per il Patrimonio culturale, rientra nel ciclo di Conferenze sul tema dell’Urbanistica “Ridisegniamo Marino”.

Durante l’incontro si mostreranno esempi di riqualificazione ambientale di zone in erosione e degrado lungo versanti e corsi d’acqua in Italia (Paolo Cornelini Vice presidente AIPIN), in aree agricole terrazzate in Toscana (Federico Boccalaro Presidente AIPIN e volontario TCI Roma), in aree protette della Campania (Gino Menegazzi Vice Presidente AIPIN), in zone collinari e urbane del Lazio (Ettore Marrone e Liliana Pavani Soci AIPIN).

Sarà posto l’accento sulle finalità degli interventi di INGEGNERIA NATURALISTICA  che sono principalmente: tecnico-funzionali, ad es. di consolidamento di una scarpata o di una sponda; naturalistiche, in quanto lo scopo non è la semplice copertura a verde ma la ricostituzione di comunità vegetali appartenenti alla serie dinamica autoctona; estetiche e paesaggistiche, di inserimento nel paesaggio naturale; economiche, in quanto tipologie alternative e competitive alle opere tradizionali (ad esempio muri di sottoscarpa in cls sostituiti da palificate vive).

“Chi parteciperà all’incontro – dichiara l’Assessore all’Urbanistica Andrea Trinca che sarà in prima linea a coordinare l’evento – avrà l’occasione di conoscere numerosi siti soggetti a degrado, e le modalità tecniche per riqualificarli, e riceverà uno stimolo a discutere, a intraprendere e condividere nuove iniziative nel territorio comunale di Marino, anche per rilanciare un  territorio, un’economia e un turismo sostenibili”.

Ricordiamo che AIPIN – Associazione Italiana Per l’Ingegneria Naturalistica – è un’ associazione tecnico-scientifica con finalità culturali e professionali senza fini di lucro fondata nel 1989 con lo scopo di divulgare i metodi e le tecniche dell’Ingegneria Naturalistica.

L’AIPIN ha come scopo la diffusione a tutti i livelli tecnico-scientifici, la sperimentazione, l’applicazione, la ricerca e il monitoraggio delle tecniche e dei metodi dell’Ingegneria Naturalistica mediante l’organizzazione di corsi, convegni, cantieri scuola, escursioni tecniche, collegamenti internazionali con associazioni analoghe tramite la Federazione Europea per l’Ingegneria Naturalistica (EFIB)

L’Ingegneria Naturalistica è una disciplina trasversale che utilizza le piante vive, da sole o in abbinamento a materiali morti, negli interventi di sistemazione di corsi d’acqua, di versanti, di litorali, di aree degradate da fattori naturali (dissesto idrogeologico) o antropici (cave, discariche, opere infrastrutturali), con finalità antierosive e stabilizzanti, ma anche naturalistiche e paesaggistiche.

Risulta significativo l’utilizzo della vegetazione autoctona quale elemento costruttivo vivo che, nel corso del suo sviluppo, raggiunge l’obiettivo della stabilizzazione e della massima biodiversità possibile.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook176Share on Google+0

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*