Fusione per la BCC San Barnaba: le riflessioni, amare, di Ciccarelli

© Tutti i diritti riservati dall'autore. Vai al sito originale.

Il tema ancora una volta è importante, si parla di Banche, anzi della Banca di Credito Cooperativo di Marino voluta nel 1909, oltre 100 anni fa, dal Mons. Guglielmo Grassi. Si parla in particolare del clima che si respira a Marino su questo tema, soprattutto nel centro storico, e dei motivi anche politici, ancora una volta la politica dei ‘partiti’ per le Banche, che hanno fiaccato anche la BCC di Marino, fatto intervenire nel 2014 il Governatore della Banca d’Italia con multe salate al CdA marinese e ora che impongono la fusione con la Banca BCC di Genzano. Tanti sono pronti ad alzare il dito sui colpevoli di questa vicenda che porta alla fusione (addirittura c’è chi ha partorito l’idea bislacca che sia colpa del M5S che attualmente da poco più di 10 mesi governa Marino …), nessuno però dei veri responsabili se ne assume le responsabilità, ben rintracciabili dai nomi e cognomi e dalle cordate riconducibili alla vecchia politica locale che hanno guidato la BCC negli anni. Articolo sintetico e pungente, da leggere con attenzione e se del caso, come spesso succede con Ciccarelli, commentare.

La Redazione

___________

Sciolgono la San Barnaba (mica pizz&fichi)

di Ivano Ciccarelli –

Tra le chiacchiere cittadine, in questa primavera, campeggiano quelle sulla Banca di Credito Cooperativo “San Barnaba” di Marino (di seguito BCC di Marino). Tutti ne parlano nei bar, nei parchi, a far spesa. Insomma: l’argomento tira! Dopotutto è la banca più antica e famosa di sempre, fondata più d’un secolo fa dall’esimio reverendo Guglielmo Grassi e giustamente l’anziana Marietta, nel brusio dei pensionati, mi faceva notare: “ogni negozziu che chiude lascia ‘na falla, mo che chiude a banca de Marini comm’aa tappemo ssa marana”.

Perché chiude la BCC di Marino? Cos’è accaduto? Sappiamo tutto?

Ci sono anche una serie di assemblee pubbliche che dovrebbero informare curiosi e preoccupati. Ma v’assicuro che non sono frequentate come dovrebbero, ero in quella del 22 aprile 2017 e nella sala Lepanto ho visto molti addetti ai lavori e pochi cittadini. Ma i cittadini bofonchiano, sono inquieti.

Il 22 aprile (prima uscita pubblica della BCC marinese) ci han detto che la Banca d’Italia prevede di ristrutturare gli istituti di credito attraverso fusioni. Il “Progetto di Fusione” che ci riguarda è “per incorporazione”. Avviene, cioè, tra due soggetti in cui uno si scioglie e l’altro assorbe. Nel nostro caso la BCC di Marino chiude e la BCC “Giuseppe Toniolo” di Genzano incorpora. Le Assemblee Generali Straordinarie dei Soci voteranno, Marino il 14 e Genzano il 21 maggio c.a.. Poi l’ultima parola spetta a Banca d’Italia che se da l’ok, già dal prossimo luglio nascerà la “Banca dei Colli Albani” con oltre 100 dipendenti, circa 6.000 soci, 12 sportelli collocati in 9 comuni ecc ecc ecc.

                Perché la BCC di Genzano si ciuccia la BCC di Marino? È? Perché?

Forse la BCC marinese è in crisi e quella di Genzano è sana? Naaaaaa : la banca di Marino è in crisi e quella di Genzano idem. A dircelo è il Presidente della BCC genzanese, sig. Maurizio Capogrossi, che la sera del 22 aprile dichiarò: “il nostro bilancio del 2016 l’abbiam chiuso in rosso”. Ha pure aggiunto che “a Genzano siamo tutti contrari a questa fusione” e “non sappiamo cosa accadrà” … non sappiamo? (SIC!).

Ai genzanesi non piace ai marinesi nemmeno ma ‘sta fusione s’ha da fare e non sarà l’unica, Capogrossi ne è certo “di oltre 350 BCC ne rimarranno 100, 90” o giù di lì.

            Quella sera ad aprire gli interventi fu il sig. D’Amico, un tale (se non sbaglio) che tutti chiamavano “il professore”. Il primario disse: “gli utili sono sempre più difficili … il sistema bancario sta messo male per mancati incassi e sofferenze” ma quel che più mi colpì fu la sua netta presa di distanza dalle interferenze della “politica” (non per altro: mi colpì particolarmente perché io sono uno molto devoto alla drammaturgia di Brecht che stimava il rapinatore e non il promotore di banche, da qui la ferma e personalissima convinzione che i mali dell’intera umanità siano ascrivibili in buona parte alle feroci “politiche” del Fondo Monetario Internazionale …ma questa è tutta un’altra storia).

            Non si capisce bene se l’anti-politica del prof D’Amico stride o fa il paio con quanto si afferma sul dossier che il settimanale Espresso ha recentemente pubblicato, qui (a firma di Giuseppe Oddo) si legge: “Di fatto le centinaia di piccole banche sparse per l’Italia sono strumenti di potere sempre più spesso autoreferenziali e collusi con i partiti, che se ne servono per alimentare su scala locale i loro interessi affaristico-clientelari. Ed è proprio la commistione tra banche, politica e affari (lo stesso tarlo che ha divorato Monte dei Paschi) ad avere messo in ginocchio decine di piccoli istituti salvati a un passo dal baratro con i soldi dei contribuenti”.

            Per capire il rancore del prof – perché i marinesi vogliono, devono, capire – forse (forse) bisogna fare un passo indietro nel tempo per tornare al 27 maggio 2014 in quel di Roma.

Giorno in cui il Governatore di Banca d’Italia Igazio Visco testé firmò “l’irrogazione di sanzioni amministrative pecuniarie” alla BCC di Marino perché “in materia di trasparenza delle operazioni dei servizi bancari e finanziari … correttezza nelle relazioni tra intermediari e clienti”; le ispezioni del Governatore svelarono “carenze nell’organizzazione e nei controlli interni da parte dei componenti il Consiglio di amministrazione” in piu “del Direttore generale” e come se non bastasse da parte dell’intero “Collegio sindacale”.

Alleeee oh oooh … aleeee oh oooh …

Fu così che l’intero CdA, vale a dire “Anellucci Aldo, Guidi Enrico, Gargano Mauro, Negroni Marta, Gagliardi Sandro, Riccardi Vito, Palozzi Renzo, Giannini Carlo e Petrilli Giovanni” furono multati per “euro 11.000,00 ciascuno”;

il Direttore “Maggi Marco … euro 16.500,00”;

i componenti del Collegio sindacale “Amato Paolo, Ricciardi Massimo, Tora Roberto … ad euro 11.000,00 ciascuno

per un totale “complessivo delle sanzioni: euro 148.500,00”.

Almeno questo si legge da quanto pubblica la Banca d’Italia nel suo “Bollettino di Vigilanza n. 5, maggio 2014Provvedimenti rilevanti di carattere particolare delle autorità creditizie Sezione XIV – Sanzioni della Banca d’Italia” precisamente alle pagine “XIV.18” e “XIV.19”.

Non ho la più pallida idea di cosa, in realtà, produsse l’amaro decreto del Governatore. Magari i Signori e le Signore sanzionati, un per uno, han fatto ricorso? Forse l’hanno pure vinto? … boooh!! Io non lo so mica!? Ad onor di cronaca locale, va però registrata un’altra coincidenza temporale, se non erro (perché si sa erro assai) i Signori e le Signore degli alti scranni della BCC di Marino si dimisero in blocco.

Che i problemi della nostrana BCC scaturiscano da quel maledetto – o meraviglioso, dipende – 27 maggio 2014? Cioè dalla politica dei partiti locali ben rintracciabili in quel CdA sanzionato?

Così miseramente finisce la storia della prima banca dei marinesi. Mannaggia … e pensare che è la più antica, quella del Monsignor tradito nella sua pia creatura ridotta a colabrodo che mo’ se pippano li genzanesi. Amen!

Stia tranquillo il marinese, ogni centesimo del suo risparmio in queste ore è attenzionato dal Governatore (…ma il Governatore d’Italia lo sa che fine ha fatto “tranquillo” a Marino?).

Ivano Ciccarelli 

 

Ai risparmiatori marinesi l’autore dell’articolo consiglia i seguenti approfondimenti:

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook14Share on Google+0

2 Comments

  1. Mi associo alla giusta considerazione del signor Scialis, e ringrazio il signor Ciccarelli per le riflessioni che stimola nei Cittadini, troppo spesso concentrati solo su se stessi e poco interessati a quanto avviene sul loro territorio. Riflettere e pensare fa certamente bene, soprattutto ai nostri concittadini, a volte distratti, e a volte tolleranti verso malversazioni ed illegalità.

  2. Se fondassero una banca che avesse per capitale sociale tutte le perle che ci regala Ciccarelli, sarebbe l’istituto di credito più forte della zona Euro.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*