TARI, aumentata o no a Marino? Le risposte dell’assessore Ciolfi

— Daniele Ciolfi, assessore al Bilancio. © Tutti i diritti riservati. Riproduzione e condivisione sono vietati

In redazione nelle scorse settimane sono arrivate alcune lettere da parte dei nostri lettori che chiedevano spiegazioni sulla TARI appena pagata, sul suo presunto aumento rispetto alla gestione del Commissario Prefettizio. Anche sui social network l’argomento TARI è di moda: chi dice che è aumentata del 20%, chi dice che la bolletta è uguale, chi si lamenta per le date scelte per il pagamento in tre rate. Abbiamo chiesto allora all’assessore Daniele Ciolfi di spiegarci l’arcano di queste bollette e soprattutto di farci capire se il M5S che governa oggi Marino abbia davvero innalzato in misura considerevole il carico della tariffa. Di seguito pubblichiamo le risposte avute dall’assessore Ciolfi, che confermano l’assenza di aumenti sostanziali della TARI per il 2017, con, di fatto, il mantenimento inalterato della situazione ereditata dal Commissario Prefettizio nel 2016.

Assessore Ciolfi, ma è vero che l’importo della TARI è aumentato a Marino rispetto al 2016?

La TARI non ha subito variazioni sostanziali rispetto al 2016; l’aumento su alcune classi tariffarie è compreso tra lo 0,5% e il 2,5% della tassa pagata lo scorso anno. L’incremento che viene colto dai cittadini è dovuto al fatto che il confronto viene effettuato tra l’acconto 2017 e l’acconto del 2016. Il conguaglio sarà inferiore a quello pagato lo scorso ottobre, per cui l’imposta annuale a carico dei cittadini nel corso del 2017 sarà di poco superiore a quella del 2016.

Quindi, se abbiamo capito bene, avete ripartito in modo più omogeneo nell’arco dell’anno il pagamento che lo scorso anno aveva avuto un picco nella terza rata. Ma da quanto ci dice un piccolo aumento c’è: per quale ragione è stato necessario?

Questa amministrazione ha dovuto far fronte ad un adeguamento tariffario del costo delle discariche, deciso dalla Regione Lazio per il periodo relativo agli anni 2012-2015; un debito quindi di competenza delle precedenti amministrazioni.

Non potevate evitare di aumentare, anche se di pochi euro, la TARI?

Purtroppo no. Per legge, l’Amministrazione è tenuta a richiedere ai cittadini esattamente il costo sostenuto per il servizio: la TARI deve essere riscossa per una percentuale pari al 100% della spesa per la gestione dei rifiuti. Però siamo riusciti a ridurre di molto l’entità dell’aumento. La passività aggiuntiva relativa al passato era di ben 750 mila euro e avrebbe potuto determinare un aumento molto più significativo. Fortunatamente, questa Amministrazione è riuscita a transare, chiudendo con un pagamento di 400 mila euro. Inoltre, una parte dei 400 mila euro – che avrebbero determinato un aumento medio dell’imposta del 5% – è stato coperto con operazioni di efficientamento nella gestione dei rifiuti, di modo che l’aumento della TARI è stato contenuto sotto, nel peggiore dei casi, al 2,5%.

Quali saranno i vostri prossimi passi?

La nostra priorità è il passaggio al porta a porta per abbattere i costi di discarica e soprattutto valorizzare i rifiuti come risorse e per rendere più pulito il nostro territorio. Tutta la squadra di governo è unita e sta lavorando in questa direzione.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook7Share on Google+0

5 Comments

  1. La riduzione dal 40% al 20% sullo sconto compostaggio l’aveva già fatta il Commissario nel 2016 perché aveva valutato che i costi non erano sostenibili con quello sconto del 40% deciso nel 2014.

  2. Giuseppe, nell’articolo è scritto molto chiaro che non si può: “Non potevate evitare di aumentare, anche se di pochi euro, la TARI? – Purtroppo no. Per legge, l’Amministrazione è tenuta a richiedere ai cittadini esattamente il costo sostenuto per il servizio: la TARI deve essere riscossa per una percentuale pari al 100% della spesa per la gestione dei rifiuti.” L’unico modo mi pare che sia la racconta differenziata. Caso mai il Comune dovrebbe pensare di limitare l’addizionale IRPEF.

    • Giusto ma dalle carte più volte studiate da tutti noi si è sempre rilevata la differenza di quanto chiesto ai cittadini e quanto speso realmente per lo smaltimento dei rifiuti, quasi un milione in più versato, senza contare che non si riesce a sapere quanto si incassa con la vendita di carta e plastica .allora si potevano ridurre le tariffe?…

  3. Le risposte non fanno luce sulla diminuzione dal 40 al 20 % della riduzione della parte variabile della tassa prevista per chi effettua il Compostaggio.

  4. Ma se si sbandiera un avanzo di 8.3 milioni di euro nelle casse del comune e visto che i comuni non possono fare accantonamenti con i soldi dei contribuenti, non si poteva non solo evitare gli aumenti anche se di pochi punti percentuale ma cominciare ad abbattere la pesantissima pressione fiscale del nostro comune?….o qualcuno non dice il vero?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*