Battaglia NO TIR: Enderle conferma ‘noi del PCI ci saremo’

Comunicato stampa del PCI di Marino –

Come annunciato dalla primordiale scelta della Prefettura, il PCI è contro la deviazione in atto che indirizza il traffico pesante tutto e solo nella strada di collegamento Nettunense-Ardeatina.

Forse non tutti ricordano che pur vicini alle critiche e alle denunce dei cittadini residenti, fin da subito noi denunciammo come risolutivo solo l’atto di revoca dell’atto della Prefettura.

Scelta che, ovviamente, sottostà non alla volubilità del Prefetto ma all’indirizzo politico che riceve in merito. Ma, al momento, anche se ci sono stati e ci sono interventi plurimi che partono dal problema oggettivo – cioè dal danno e fastidio che ricevono i cittadini –; in realtà le risposte assunte, con inevitabili giri amministrativi e burocratici, portano tutti alla stessa conclusione: palliativi che non risolvono alla radice la questione.

Noi, coerentemente siamo al fianco dei cittadini, al Comitato, specialmente se (così come ora è stato mutato il precedente vezzo anti politica) invitati a partecipare ad un momento di manifestazione e lotta. Quindi ci saremo. Mercoledì (24 maggio ore 17,30, ndr), alla passeggiata di protesta.

Questo ha deciso la sezione comunista del PCI di Marino. Noi non cambiamo opinione: eravamo contrari prima della scorsa campagna elettorale; lo siamo stati durante la medesima consultazione; lo siamo ancora oggi. Indicando a tutti, magari, di fare i conti, in modo “più duro” contro la primaria richiesta da avanzare: il ritiro dell’ordinanza della Prefettura.

Quindi, per chiarezza, poiché quando si muove una protesta vanno indicati gli interlocutori. Secondo noi, quelli decisi (per il ritiro della Prefettura) sono tutti coloro che hanno al momento responsabilità politiche ed istituzionali ai livelli del Comune di Marino, del Comune di Roma, della Città Metropolitana, della Regione Lazio e dei parlamentari eletti qui nella nostra zona.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook15Share on Google+0

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*