3/8/2011-3/8/2017: sei annni di battaglie dei cittadini per salvare dal cemento le aree del Divino Amore/Mugilla/Mazzamagna. Sapete perchè? I fatti e i video …

— Comitato Argine via Divino Amore (ADA)

Proprio oggi si compiono sei anni dall’avvio, in Consiglio Comunale a Marino, del progetto di Palozzi e Co di una nuova cementificazione su oltre 100 ettari del territorio della pianura di Marino denominato Divino Amore/Mugilla/Mazzamagna. Un progetto faraonico, da circa un miliardo di euro di fatturato potenziale (ecco il VIDEO di ADA del 2011  esplicativo, in pochi secondi, del progetto di cementificazione), per circa 20.000 nuovi abitanti reali tra Santa Maria delle Mole e Frattocchie. Un progetto contestato (guarda il significativo VIDEO del 2011 in consiglio comunale nella votazione delle delibere cementizie) sin dal primo giorno, da quel 3 agosto 2011, da un gruppo di cittadini ambientalisti, organizzatisi in comitati e assemblee.

Che Adriano Palozzi nel 2011 avesse fretta, era chiaro già da allora a tutti. Negli atti, nelle promesse, nei comportamenti: in due anni i progetti sarebbero dovuti partire e arrivare a rapida realizzazione. E invece, ad oggi, su oltre  un milioni e trecentomila di metri cubi da realizzare (una nuova città grande come Urbino!) si possono contare solo 4 palazzine in area Mugilla, la cui realizzazione ha avuto tra l’altro, l’11 luglio scorso, una ordinanza di Sospensiva da parte del Comune di Marino per gravi irregolarità.

Come mai, allora, nonostante alcuni predicatori sui social network, qualche avvocato immischiato nell’edilizia marinese e la banda dei seguaci di Palozzi tentino di far trapelare la bufala cosmicaci siamo quasi con l’avvio dei lavori al Divino Amore‘, non c’è ancora praticamente nessun cantiere negli oltre 100 ettari dell’area da cementificare dal 2011?

Il merito, e va detto, è in gran parte proprio di quei cittadini, di quei comitati come Argine via Divino Amore (ADA), dell’Assemblea Contro la Cementificazione (ACC) e delle associazioni Italia Nostra (nazionale e sezione Castelli Romani) e Legambiente Appia Sud ‘il riccio’ che in 6 anni hanno prodotto ricorsi al TAR, esposti, proteste, assemblee, dirette VIDEO televisive, video esplicativi sul web.

Questi atti, di cui quelli dei ricorsi al TAR ancora pendenti e in attesa di giudizio a sei anni di distanza dal deposito …, hanno di fatto rallentato e invischiato il processo cemetificatore voluto da Palozzi e dal CentroDestra, con la complicità prima della compiacente on. Renata Polverini (ex governatore della Regione Lazio) e poi del silente e smemorato on. Nicola Zingaretti (governatore attuale della Regione) che hanno firmato, nicchiato, ammiccato e chiuso gli occhi in ogni occasione possibile su questo tema.

Ma, e va detto ache questo per amore della verità, se da un anno a questa parte i cantieri non sono partiti è soprattutto merito della Giunta del M5S a guida Colizza e della maggioranza attuale in consiglio comunale che hanno rovesciato la rotta amministrativa avviata da Palozzi e che stanno, con atti continuativi e sempre ben calibrati, smontando pezzo pezzo, giorno dopo giorno, l’operazione del cemento nella pianura di Marino.

L’ultimo atto di opposizione alla cementificazione del Divino Amore è il vero e proprio ‘bombardamento’ della Valutazione di Impatto Ambientale sul Centro Commerciale potenziale da 100.000 mc di cemento in località casale Negroni, davanti al Gotto d’Oro, proposto da IDEA FIMIT. Le osservazioni il 25 luglio scorso sono fioccate come la neve in Regione Lazio, dove di certo non si aspettavano in piena estate tanta reattività.

Per la cronaca, hanno presentato osservazioni oppositive e chiesto il RIGETTO del progetto di VIA del Centro Commerciale da 100.000 mc al Divino Amore i comitati ADA, ACC, Italia Nostra Castelli Romani, Legambiente Appia Sud ‘il riccio’, il comitato di Quartiere Santa Maria delle Mole, il comitato No TIR e, ancora (più importanti per questioni di peso istituzionale) il Comune di Marino e la Città Metropolitana di Roma.

Senza grandi sorprese la Regione Lazio ad oggi sembra sia stata silente, come suo solito sul cemento a Marino da quasi 5 anni a questa parte sotto la guida Zingaretti.

La storia del Divino Amore/Mugilla/Mazzamagna, quindi, non è affatto conclusa come avrebbero voluto Palozzi e Co sei anni fa, … tutt’altro!

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook11Share on Google+0

1 Comment

  1. Sarei curioso di sapere tra i tanti partecipanti ai ricorsi (premesso che sono ampiamente a favore al NO CEMENTO) quanti hanno votato all’epoca l’interessante e presentabilissimo attuale Governatore della Regione che, tra l’altro, le elezioni le aveva vinte anche con un fiabbesca campagna elettorale sui rifiuti. Già all’epoca esisteva il M5S (cioè cittadini con le balle piene di tutti sti politicanti interessat ai propri profitti che al bene comune). Questo per dire che prima si votano e poi si combattono….siamo proprio un paese al rovescio.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*