In ricordo di Emiliano Piazza

Emiliano Emilia’ o Piazza … questo era il modo di chiamare quell’uomo che ci ha lasciato così tragicamente, chi ha avuto la fortuna di conoscerlo sapeva di poterlo chiamare in ogni modo. Per me da subito e’ stato Emiliano, mi ricordo ancora il nostro primo incontro alla Primo Levi di Frattocchie e la sua stretta di mano con il suo solito sorriso; ero andato da Dirigente a conoscere il Tecnico ma conobbi invece l’uomo di sempre, serio, pieno di entusiasmo, semplice, innamorato dei bambini, carismatico, ironico. Era di poche parole Emiliano ma cariche di significato; mi spiego’ che la pallavolo dava la possibilità ai bambini e ragazzi di inserirsi in un gruppo da cui staccarsi sarebbe stato difficile, che la pallavolo doveva essere per tutti loro quella voglia di uscire di casa per andare a scuola volentieri almeno una volta a settimana e di pomeriggio per andare in palestra; ed Emiliano sapeva che aveva questa missione: non deluderli mai e ci e’ sempre riuscito. E noi genitori ci siamo sempre fidati di lui, i suoi valori educativi non si sono mai sovrapposti alla famiglia; le sue più famose punizioni erano venti tuffi a terra, dieci giri di corsa del Palazzetto, cento addominali, smontare la rete se arrivavi tardi senza avvisare.
E quando alcuni dei suoi bambini diventati ormai ragazzi andarono a Cagliari per partecipare alle finali nazionali Under 18 Emiliano era lì, comunque presente nello staff tecnico, per stare vicino a loro, per sostenerli e nel guardarli godere di tutto il suo lavoro precedente. 
Ci passava talmente tanto tempo a scuola e in palestra che in una di queste si innamoro’ di Silvia, di quel capitano con i capelli rossi, di quella ragazza un po’ pazzerella e sempre sorridente, sposandola con una fantastica festa piena di amiche e amici.
L’anno scorso ad alcuni ragazzi da lui allenati è arrivata la telefonata di Emiliano che diceva “dai ricominciamo tutti insieme, ci sarà da sudare ma possiamo farcela”. In un istante ha ridato entusiasmo a tanti di loro perché Emiliano era rimasto tra l’indifferenza generale quell’albero che invece avvolgeva con la sua generosità tutti riempiendo il loro cuore; era un uomo buono, altruista, sempre disponibile ad aiutare gli altri: il primo maggio a Frattocchie da solo prima e con Silvia dopo lo trovavi sempre come volontario nello staff della Festa di Beneficenza della Sanes Onlus “Un sorriso per Francesca”, sudato e stremato ma felice per quel silenzioso lavoro che faceva.
Sei andato via sul più bello e bambini, atleti, colleghi allenatori, dirigenti e genitori ti stanno piangendo e lo faranno di più domani al tuo funerale; come ci ha detto Silvia li’ in chiesa giocherai la tua partita più difficile con tantissime persone presenti, ma io verrò da amico e la perderò questa partita perché ti saluterò per l’ultima volta … ciao amico mio mi mancherai tantissimo ma ti prometto che farò di tutto per mantenere vivi tra i ragazzi i tuoi unici ed eccezionali ideali. Ciao Emiliano.

Enio Scopetta

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook509Share on Google+0

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*