Aversa su ‘Castelli di Cioccolato’: giunta senza umiltà, privati invadenti

Pubblichiamo di seguito il comunicato integrale di M. Aversa del Pci di Marino –

MARINO. Maurizio Aversa denuncia: “RISOLTA QUESTIONE LOCANDINA CIOCCOLATO. ORA E’ CHIARO:

1. L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE NON CONOSCE LA PAROLA UMILTA’. 2. GLI ORGANIZZATORI SONO “PERACOTTARI”.”

Maurizio Aversa, già assessore alla cultura, commercio e turismo del comune di Marino, attualmente responsabile comunicazione della Segreteria regionale Lazio del PCI,  interviene sulla polemica che ha riguardato “Castelli di Cioccolato 2017”.

E’ abnorme quanto è successo non con l’errore della locandina, che, infatti non avevamo commentato né sui social né ufficialmente. Ma abnorme è quanto commentato, successivamente al rilievo, da organizzatori e Amministratori.

Infatti, questo apprendiamo dal “Sito ufficiale del comune”, con due “comunicati distinti” e convergenti solo nell’attacco a chi ha rilevato l’errore (che si può verificare).

Abnorme, non abbiamo altro termine per denunciare:

  1. Denunciare una Amministrazione che, varata una iniziativa, dovrebbe perseguire l’obiettivo di farla conoscere, apprezzare, sostenere. Invece si attarda, “ senza un briciolo di umiltà” ad alimentare una controversia contro chi ha rilevato un errore grave di comunicazione. Dicono, dall’Amministrazione che non devono chiedere scusa di nulla: evidentemente attendono le scuse dai cittadini che si sono accorti del grave errore!
  2. Denunciare gli operatori/organizzatori che, ospitati ufficialmente sul sito comunale, non hanno di meglio da affermare che “siamo certi che i cittadini di Marino non si lasceranno persuadere dalle polemiche per quello che evidentemente è attribuibile a un errore grafico”. Da quando un operatore economico (chiamato a svolgere un determinato compito) è detentore di gestione politica della vicenda? Altro che conflitto di interesse, ormai siamo alla cessione di potere politico-istituzionale a terzi. Che si mostrano, così facendo, dei veri “peracottari”

Marino, 23 settembre 2017

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook0Share on Google+0

1 Comment

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*