Il Comitato Aeroporto incontra l’ass. Tammaro: visioni comuni per la riduzione immediata dei voli a Ciampino

— Riunione del CRIAAC con l'assessore di Marino Adolfo Tammaro

Si è svolta il 3 ottobre scorso una riunione del Comitato per la Riduzione dell’Impatto Ambientale dell’Aeroporto di Ciampino (CRIAAC) a cui è stato invitato l’Assessore Adolfo Tammaro che, per il Comune di Marino, assieme al sindaco Carlo Colizza, sta seguendo le procedure di riduzione del rumore e di Valutazione dell’Impatto Ambientale (VIA) per l’aeroporto di Ciampino, procedure gestite entrambe dal Ministero dell’Ambiente.

Il CRIAAC si è dichiarato estremamente preoccupato per le attività svolte durante l’estate dalla Commissione tecnica VIA, attività che ancora ad oggi non hanno condotto alla emanazione del documento pubblico di approvazione della VIA, ma che, a quel che apparso da alcune dichiarazioni sui giornali, si sono a livello di Commissione Tecnica VIA chiuse nel mese di agosto.  Il principale argomento dibattuto in seguito è stato quello relativo all’individuazione delle iniziative più opportune per riportare la legalità nell’aeroporto di Ciampino nonostante i distruttivi interventi legislativi messi in atto negli ultimi mesi dalle istituzioni nazionali, interventi con i quali sono state pesantemente modificate le leggi che riguardano le Valutazioni d’Impatto Ambientale (Legge 152/2006) e le norme di tutela contro l’inquinamento acustico (Legge 447/1995), cioè le leggi su cui il CRIAAC ha fatto riferimento nei ultimi 12 anni per riportare la legalità nell’aeroporto ciampinese. Inoltre, il CRIAAC ha specificato all’Ass. Tammaro di aver depositato il 20 settembre presso il Ministero dell’Ambiente una “istanza di richiesta di riesame in autotutela – diffida ad agire” con la quale si chiede al Ministero il rispetto della recente Sentenza della Corte di Giustizia Europea n. ECLI:EU:C:2017:589 del 26/07/2017, sentenza che rende di fatto inadeguati nella sostanza i contenuti della procedura di VIA avviata da ENAC su Ciampino da un anno a questa parte  e, al contempo, ha dichiarato di aver depositato presso il Ministero dell’Ambiente una “Richiesta di Accesso agli Atti” per avere una copia delle decisioni adottate durante l’estate sulla VIA dell’Aeroporto di Ciampino dalla Commissione Tecnica di Valutazione di Impatto Ambientale del Ministero.

L’ass. Tammaro ha espresso il pieno supporto dell’amministrazione di Marino all’azione del Comitato, specificando che in tutte le sedi istituzionali, Regione Lazio, ANCI, Ministero Ambiente e Conferenza Unificata della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Comune di Marino si è attivato, assieme al Comune di Roma, producendo osservazioni tecniche e politiche a favore di una riduzione immediata del numero dei voli – e non dal 2021 come propone ENAC . Inoltre Tammaro ha specificato che il Comune di Marino sta valutando l’oppoprtunità di attivarsi anche sul piano legale per gli ambiti dei possibili esiti della VIA e del Piano di Riduzione del Rumore in discussione finale al Ministero dell’Ambiente. 

Al termine della riunione il Comitato CRIAAC ha auspicato che anche il Comune di Ciampino, seguendo l’esempio di Roma e Marino,  si attivi sia per le vie politiche sia per quelle amministrative per far tornare al più presto alla legalità un aeroporto fuorilegge dal 2002 che ha impattato e impatta pesantemente la vita e la salute di alcune migliaia di persone.

 

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook36Share on Google+0

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*