Il PCI di Marino preoccupato dello spostamento a ‘destra’ del PD

© Tutti i diritti riservati. Puoi condividere questa immagine seguendo la nostra policy

Pubblichiamo di seguito il comunicato integrale a firma del segretario del PCI di Marino Stefano Enderle – 

MARINO. ENDERLE, PCI : “IL VUOTO POLITICO DEL M5S CAUSA DELLA RINCORSA A DESTRA”

I cittadini marinesi oltre i giochi di molti, possono contare sulla serietà e coerenza del Partito Comunista Italiano.

“Come riporta il quotidiano online “Il Mamilio”, a Marino c’è un avvicinamento-alleanza tra PD e MCD. Secondo quanto possiamo osservare noi comunisti – commenta Stefano Enderle, segretario del PCI di Marino – in effetti, mancando la disponibilità ad un ampio confronto politico, sia nel Consiglio Comunale degli eletti, sia nella città con tutti i soggetti politici e sociali, da parte del M5S e della sua maggioranza/Amministrazione, il dibattito politico viene confinato alla sola parte che in città ha altre idee, altre proposte e formula denunce”. “Tuttavia – prosegue il segretario comunista – questo non vuol dire che la rappresentazione dei media sia reale. Infatti, noi non crediamo che l’elenco dei nomi dei consiglieri riportato, sia in egual misura tutto ascrivibile a eletti ( e loro sostenitori) bramosi di vedere PD, MCD e una parte di centrosinistra tutti insieme. Ad esempio, noi comunisti siamo disponibili – e lo sanno tutti, e lo abbiamo attuato – a convergenze possibili su singoli temi sociali e amministrativi a confrontarci e sostenere richieste condivise. Sicuramente non siamo interessati a formule di “avvicinamento” sia se riguardano dispute e pesi politici, magari in chiave di campagna per elezioni regionali del PD, sia se siano volte ad “espellere” qualche ostaggio politico.” “Come abbiamo sempre detto e perseguito noi abbiamo come riferimento locale i bisogni dei cittadini, il buon governo da esercitare a Palazzo Colonna, una possibile convergenza di forze che condivida e si confronti sul programma stilato anche col contributo dei comunisti lo scorso anno. Tutto ciò in un rapporto vivo con la città e con chiarezza di comportamenti. Per essere estremamente chiari – conclude Enderle – a noi non è piaciuto l’abbandono del consiglio comunale senza che nessuno sia rimasto in aula a motivare politicamente lo scontro in atto contro Sindaco e Giunta; a noi non piace questa “forzatura” e impreparazione che si è manifestato nel Consiglio del 27 (richiesto dalle opposizioni). Tanto che non ci ha meravigliato se alla fine non tutti i consiglieri dell’ ex centrosinistra sono stati”. E’ una iattura che il M5S non svolga, per timore e/o incapacità, iniziativa politica alcuna. E’ ancor più grave che tale vuoto il PD lo voglia riempire in una rincorsa a destra. Noi comunisti ci siamo e non rinunciamo all’idea di unire, passo dopo passo, la sinistra, anche a Marino, per dare risposte ai lavoratori, ai giovani, ai cittadini”.

Marino, 11 ottobre 2017

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook2Share on Google+0

1 Comment

  1. Ho riletto il comunicato del segretario del PCI, Stefano Enderle. Più che preoccupato a me sembra che dica: fotografia, il PD va a destra. Poi dice: il M5S continua a non voler fare politica (nè confronto nè altro) e a ritenersi autosufficiente. Evidentemente ritengono, i grillini, che alle scorse amministrative non ci sia stato il sottobanco e il riversamento dei voti di destra a Colizza. Davvero sono convinti che i voti gli sono giunti per grazia ricevuta e che li avranno in eterno. Contenti loro…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*