Cemento a Mugilla: nuovo rinvio del TAR a gennaio 2018 per il giudizio sui cantieri avviati

— Località Mugilla: concessioni rilasciate prima dell'avvento del M5S © Tutti i diritti riservati dall'autore. Vai al sito originale.

Si è conclusa il 10 novembre scorso sostanzialmente con un nuova fissazione di convocazione a gennaio 2018  l’udienza del TAR a riguardo della sospensiva sulle costruzioni in atto a Mugilla (dietro alla scuola Verdi a Santa Maria delle Mole), con concessioni edilizie rilasciate nel 2014 e 2015, prima dell’avvento del M5S a Marino. Come si ricorderà, il Comune aveva comunicato a luglio a firma Marco Cuffaro – ex dirigente dell’Urbanistica oggi non più a Marino per le conseguenze dell’indagine dei magistrati baresi di luglio scorso – alla società costruttrice una sospensiva per la presenza di irregolarità nella realizzazione delle opere pubbliche connesse con le concessioni, sospensiva che in prima udienza, circa sette settimane fa, il TAR aveva provvisoriamente ritirato aspettando il giudizio nel merito

Per quanto alcuni personaggi della politica locale legati alle vecchie amministrazioni di centrodestra cerchino sui social di ‘caricare’ questo procedimento del TAR delle intere sorti del progetto Divino Amore da 1.300.000 mc di cemento – con circa 15.000 nuovi abitanti – sull’area della pianura di Marino tra Santa Maria e Frattocchie, la realtà dei fatti attuali è che quella di Mugilla è, dal punto di vista del TAR, una storia a sè. Una realtà slegata dal resto dell’operazione Divino Amore proprio perchè Mugilla ha già delle concessioni pregresse, assenti nel caso del Divino Amore, come si può veder bene passando presso l’area del Gotto D’Oro. Su questo territorio, infatti, ad oggi non c’è traccia di palazzo nè di cemento proprio perchè, grazie alla nuova amministrazione, si è in completa assenza di concessioni edilizie da parte del Comune verso i costruttori fortemente supportati a suo tempo dalle giunte Palozzi/Silvagni

Va a questo punto ricordato che sempre al TAR  pendono da circa 6 anni proprio per l’area Divino Amore i ricorsi di diversi comitati e associazioni, come ADA (Argine via Divino Amore), ACC (Assemblea Contro la Cementificazione), Italia Nostra e anche un ricorso molto significativo su Mazzamagna della Città Metropolitana. Quindi, ancora ad oggi, è tutto ancora da chiarire, anche al TAR, su quella che alcuni comitati hanno definito ‘la speculazione del cemento’ più grande presente sul territorio della città metropolitana di Roma.

Le posizioni sul campo al momento appaiono chiare: il Comune di Marino con l’attuale amministrazione M5S è  contrario all’operazione e ha avviato una serie di azioni sia a livello di Giunta e Consiglio Comunale sia verso la Regione Lazio. Invece, la Regione Lazio ha con Zingaretti da sempre taciuto su questo progetto da quando è al governo regionale, dopo essersi apparentemente impegnata 5 anni fa in campagna elettorale a fermarlo.

Ma ora incombono le elezioni regionali del Lazio e non è detto che tutti i nodi non vengano rapidamente al pettine con il nuovo Governatore … forse, e auspicabilmente per questo problema del cemento, non più del PD.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook17Share on Google+0

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*