La Sala-Teatro Vittoria a villa Desideri cambia Marino? Dagli scheletri nell’armadio e le clientele alla rinascita con la Cultura …

— Avvio SalaTeatro Vittoria © Tutti i diritti riservati. Puoi condividere questa immagine seguendo la nostra policy

Può sembrare cosa da poco per alcuni a Marino, in particolare per quelli che hanno da sempre ‘spremuto’ questo territorio per il proprio tornaconto, per  la carriera politica, per il cemento e le speculazioni, per gli appalti a questo o a quell’amico, se non addirittura alle aziende di questo o quel politico locale. Ma essere prossimi per la prima volta nella storia moderna a Marino all’inaugurazione di un Teatro Comunale è un evento di straordinaria importanza per tutta la popolazione, sia della collina sia della pianura. Una spazio comunale per la cultura, per il teatro e la musica, se ben gestito e se davvero aperto a tutti come si prospetta la Sala-Teatro Vittoria, dischiude spazi di crescita del tessuto sociale enormi, inimmaginabili anche ai più ottimisti.

Per questo la comunità di Marino festeggerà il 18 novembre prossimo un giorno importante. Un giorno che consentirà di archiviare oltre trenta anni di scheletri e di clientele da nascondere nell’armadio del defunto ‘scatolone‘ di Villa Desideri e ripartire dalla Cultura con la C maiuscola. La parola Cultura deriva il suo significato da ‘coltivare’, un coltivare che va applicato al sistema di saperi, opinioni, credenze, costumi e comportamenti, cioè quell’eredità di contesto  che, ciascuno di noi, riceve dalla sua comunità quando nasce e lascia alla sua comunità quando muore.

Un cambio di passo, imposto dalla Cultura, che significa crescita reale diffusa, apertura tra le persone, condivisione e, soprattutto, comunità consapevole, tutte cose di cui Marino ha davvero bisogno dopo il buio del passato.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook13Share on Google+0

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*