Lo stop definitivo del cemento al Divino Amore di Marino al centro della campagna elettorale

— Incontro di ADA con i Parlamentari sul tema del cemento a Marino

La scorsa settimana,  si è svolto a Marino un Convegno del M5S nazionale presso la Sala Lepanto. Alla presenza di molti deputati e senatori del Movimento pentastellato, partecipanti alla Commissione Ambiente di Camera e Senato, si è parlato del Programma Ambiente a livello nazionale e regionale. Inutile dire che il tema del consumo di suolo e del cemento al Divino Amore di Marino è stato posto, anche con altri temi, al centro del dibattito e dei programmi in corso di preparazione per le Elezioni nazionali e regionali.

Prima del Convegno, nella stanza del Sindaco di Marino, i Parlamentari del M5S e la candidata a governatore della Regione Lazio per il M5S Roberta Lombardi hanno incontrato, su invito diretto del sindaco di Marino Colizza, due delegazioni di Comitati e Associazioni che combattono sul territorio da molti anni sia contro la cementificazione del Divino Amore  e sia per la riduzione del traffico aereo dell’Aeroporto di Ciampino.

In particolare, l’intervento sulla questione cemento al Divino Amore ha visto presenti i rappresentanti del comitato Argine via Divino Amore (ADA), di Italia Nostra Castelli Romani, di Legambiente Appia sud ‘il riccio’ e i delegati di alcuni Comitati di quartiere di Santa Maria delle Mole e Frattocchie.

L’avv. Giorgio Marino, capodelegazione per il gruppo degli ambientalisti sul tema del cemento al Divino Amore e avvocato di ADA – Italia Nostra presso il TAR per i ricorsi pendenti dal 2011 sull’intera operazione, ha spiegato in un lungo intervento ai Parlamentari e alla candidata Lombardi tutte le contraddizioni e aberrazioni amministrative presenti nella procedura adottata sin dal 2011 dalla Giunta Palozzi di CentroDestra per approvare la cementificazione dell’area del Divino Amore. Nel dibattito seguito si è parlato anche della contraddittoria posizione assunta dalla Regione Lazio e da Zingaretti e il PD negli ultimi 5 anni, con un silenzio complice che ha portato la Regione Lazio fino alla fase di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) sull’intervento di cementificazione, intervento che l’Amministrazione di Marino, comunque, ha confermato non avere alcuna intenzione di avviare, come da impegni elettorali. La situazione, dopo lo stop di fatto imposto a Marino sin dall’insediamento del 2016 della nuova Giunta Colizza alla realizzazione della nuova città da 15.000 abitanti tra Santa Maria delle Mole e Frattocchie, è ora in Regione ferma alla valutazione della VIA presentata nel recente passato dal gruppo IDAE FIMIT e contrastata fortemente dai comitati ambientalisti. I politici presenti all’incontro hanno assicurato il pieno appoggio del M5S all’azione di contrasto di questa operazione, riproponendo soprattutto a livello regionale un’azione di piena cooperazione con il Comune di Marino e la sua Giunta, con l’intenzione di affrontare e risolvere in modo definitivo uno dei nodi storici dello scontro politico a Marino, la speculazione basata sul cemento protagonista degli ultimi decenni.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook26Share on Google+0

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*