I vandali in azione a S. Maria delle Mole: la reazione immediata dei genitori della scuola e del CdQ!

Nella notte tra il 2 e 3 dicembre scorso si è consumato un nuovo atto di vandalismo sul territorio di Marino.

Questa volta è stato preso di mira il Parco Lupini (ex-Spigarelli)  a S. Maria delle Mole, all’interno del quale è situata un piccola casetta di legno che per l’occasione del Santo Natale alcuni genitori avevano appena finito di allestire come la Casa di Babbo Natale. Il lavoro e l’impegno dei genitori della vicina scuola per trasformare il Parco in un luogo magico, in cui respirare aria di festa, di profumi natalizi, di suoni e colori è stato “violentato” poche ore dalla fine del lavoro di volontariato delle famiglie dall’ennesimo atto vandalico!

Interno casetta dopo vandalismo

Immediata la reazione sui social dei genitori, soprattutto legati all’I. C. Levi che gestisce la scuola Elsa Morante vicino al Parco Lupini. Centinaia di attestati di solidarietà ai volontari e di condanna dell’atto vandalico accaduto sono la migliore risposta ad una azione tanto stupida quanto inutile. Una delle mamme dell’associazione dei genitori che aveva partecipato alla sistemazione della casetta ha commentato: “Ho tanta rabbia, ma non per quello che ho trovato nella casetta che avevamo sistemato con tanta cura. Ho rabbia perché forse questi ragazzi andrebbero aiutati e nessuno se ne è accorto, nemmeno i loro genitori“.

Comunque sia i genitori dei bambini della scuola e il Comitato di Quartiere S. Maria delle Mole assicurano un nuovo intervento immediato per ripristinare l’ordine e il decoro e assicurare la festa al Parco Lupini che inizierà l’8 dicembre prossimo.

Tornando al vandalismo, questo fenomeno ha purtroppo un riscontro nazionale, e in questo momento, purtroppo, è dilagante su tutto il territorio di Marino. Nonostante la presenza di telecamere in diverse parti è difficile da arginare anche con l’intervento delle forze dell’ordine.
Il vandalismo nelle sue varie forme, ad una esame più approfondito, rivela il forte disagio dei ragazzi, quasi sempre adolescenti, che affonda le sue radici nella sfera emotiva. Ragazzi che a un livello inconscio usano questi mezzi per richiamare la loro attenzione. Le famiglie, a volte disattente ai segnali di inquietudine dei figli, insieme alla scuola, sono gli unici soggetti che potrebbero intervenire tempestivamente per il riallineamento dell’equilibrio emotivo che, per varie vicissitudini di vita, si è perso. Il ruolo delle Istituzioni e dei genitori è quello di cooperare con gli operatori del settore scolastico per dare risposte, senza esitazioni e debolezze, a questo disagio esistenziale che la gioventù vive in questo momento storico nel nostro Paese.

La casetta prima dell’atto vandalico

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook57Share on Google+0

1 Comment

  1. sono d’accordo sull’aiutare questi disperati…ma altrettanto fermo nel condannare i loro genitori che lasciano in balia della società c.d. “moderna” le loro “zattere” alla deriva!!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*