Decoro urbano per contrastare gli atti vandalici: al via l’intervento a Marino

© Tutti i diritti riservati. Puoi condividere questa immagine seguendo la nostra policy

E’ partito il 10 Gennaio 2018 il piano straordinario messo a punto dall’Amministrazione di Marino a guida M5S, per ripristinare il decoro urbano soggetto a ripetuti atti vandalici,  intensificatisi particolarmente in questo ultimo periodo sull’intero territorio. L’attività di ripristino del decoro è iniziata con la rimozione di scritte vandaliche, condotta da squadre specializzate sugli edifici pubblici, monumenti, immobili di varia natura e sull’arredo urbano in generale. L’intervento straordinario è stato commissionato con uno stanziamento iniziale di 13.786 euro.
E’ iniziata così una prima parte di un programma più articolato di manutenzione e riqualificazione – specifica l’Amministrazione comunale – che prevede in questa prima fase di intervento l’azione di ripristino del decoro per alcune zone di Marino centro, S. Maria delle Mole e Frattocchie per il plesso scolastico A. Frank. L’azione verrà estesa, a mano a mano, su tutto il territorio.” L’Assessore Adolfo Tammaro, inoltre, precisa “I danni fatti dai vandali contro il pubblico decoro sono notevoli, specie nell’ultimo periodo, e la rimozione professionale delle scritte ha costi molto elevati per la comunità.  Pur se abbiamo avviato da qualche mese e per la prima volta il monitoraggio di alcune parti del territorio, resta comunque certo che senza l’aiuto diretto dei  cittadini attraverso segnalazioni, denunce e, in generale, l’aumento del senso civico, è molto più difficile risultare vittoriosi contro questo tipo di vandalismo.”

In sintesi, lo scopo dichiarato dall’Amministrazione è quello di garantire il decoro e un aspetto dignitoso all’intera cittadina di Marino nella sua articolata estensione, ed è anche quello di sensibilizzare e risvegliare il senso civico della popolazione che è invitata a segnalare alle forze dell’ordine qualsiasi movimento sospetto di presunto vandalismo, affinché i responsabili dei danni possano essere individuati ed oltre che a risarcire la comunità nella modalità che la legge prevede, possano anche essere inseriti in un circuito di recupero per sanare il profondo disagio interiore che, evidentemente, li affligge.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook18Share on Google+0

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*