Democrazia diretta: un altro rospo che PD e il CentroDestra non riescono proprio ad ingoiare!

— Ingoiare o no il rospo? © Tutti i diritti riservati. Puoi condividere questa immagine seguendo la nostra policy

A vedere i commenti dei politici locali, ci sarebbe da gridare allo scandalo per la decisione di utilizzare lo strumento della partecipazione popolare e della democrazia diretta per individuare il sito più gradito alla popolazione tra quelli, e sono quattro, che presentano le condizioni adatte per la realizzazione di un Ecocentro per avviare la raccolta differenziata ‘vera’.

Sbraitano un pò allo stesso modo da Forza Italia, esempio fulgido a Marino di buon governo e attenzione alle esigenze della popolazione con Palozzi e Silvagni – basta pensare all’operazione cemento imposta a tutti sul Divino Amore …- agli ex consiglieri del Decentramento legati a Cecchi, fino al PD con gli attuali consiglieri comunali Silvani e Venanzoni.

Ma, al di là delle polemiche più o meno pretestuose, che la Democrazia diretta fosse da sempre nei programmi del M5S lo sanno ormai tutti! Anche per Marino basta andare sul programma elettorale di Colizza e al punto 8.2 si trova esplicitamente l’azione “… adozione di regolamenti e strumenti di partecipazione diretta che facilitino e stimolino la partecipazione dei Cittadini alle decisioni che riguardano il territorio e i beni comuni, …” .

Quindi, se ne facciano una ragione i politici del PD e del CentroDestra, c’è poco da stupirsi, il M5S sta mantenedo esattamente quello che aveva promesso in campagna elettorale, utilizzare la partecipazione e la volontà della maggioranza per indirizzare i processi di scelta su aspetti importanti per il territorio.

Poi, a chi accusa di ‘dividere la popolazione in diverse fazioni‘ ci sarebbe da ricordare che la democrazia è proprio questo! Non succede lo stesso per i referendum nazionali? 

E alle votazioni politiche non ci si divide liberamente e democraticamente in ‘partiti’ e alla fine prevale chi ha avuto maggiori consensi?

Dà così fastidio che sia la gente stessa a decidere su temi che influenzano significativamente la vita del territorio?

Può non piacere, e dalle reazioni isteriche si vede bene a chi non piace, ma la consultazione del 13 gennaio a S. Maria delle Mole è una importante e preziosa novità su un territorio dove, per decenni e fino al 2016, una decina di persone decidevano tutto per tutti gli altri, dalle speculazioni sul cemento, alle licenze e alle concessioni, fino molto spesso alle ditte da chiamare, nella stragrande maggioranza dei casi a chiamata diretta e con urgenza, per i lavori pubblici da fare.

Anche questo ‘rospo‘ evidentemente è difficile da ingoiare!

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook41Share on Google+0

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*