Il commento di Enderle dopo la consultazione per l’Ecocentro

© Tutti i diritti riservati. Riproduzione e condivisione sono vietati

Pubblichiamo in modo integrale la nota pervenuta dal segretario del PCI di Marino Stefano Enderle. Nell’articolo, il portavoce di Marino dei valori operai e anticapitalisti del comunismo, analizza quello che definisce un ‘flop’ a riguardo della partecipazione di circa 1200 persone alla prima “storica” consultazione di democrazia diretta attuata dalla giunta di Colizza a Marino sul tema dell’allocazione dell’Ecocentro. Si critica la scelta della democrazia diretta – definita giochino/scusa -, si ipotizza una sconfitta per l’amministrazione corrente a riguardo dell’esito della consultazione e si profetizza la rapida fine dell’esperienza a guida M5S a Marino.

Si conclude, infine, affermando che la soluzione di questi problemi sia nella lista elettorale delle prossime politiche Potere al Popolo, una delle molteplici liste che si riconducono all’arcipelago post Partito Comunista. –

ECOCENTRO. DOPO IL FLOP DI SINDACO E GIUNTA M5S, INTERVENTO DI PCI E POTERE AL POPOLO

Il giochino-scusa della democrazia diretta per pilotare le masse a proprio piacimento non è riuscito. Quindi la scelta del sito dell’ecocentro non ha coinciso nè con una vera partecipazione, nè con la scelta sperata (prima annunciata e poi rinnegata) da Sindaco e Giunta M5S. L’inizio della fine?
Ecco il commento del PCI e del candidato alla Camera dei Deputati di Potere al Popolo nel collegio 14 di Marino.

MARINO. ECOCENTRO: ORA COME LA METTIAMO? LA NOSTRA RISPOSTA E’ POTERE AL POPOLO
“Dunque, dai primi dati che circolano, in attesa di ufficializzazione (!), il gigantesco flop del Sindaco Carlo Colizza, della Giunta del M5S, della maggioranza dei cinquestelle che sostiene l’immobilismo amministrativo del Comune di Marino, è pieno certo, totale ed inequivocabile.”. Questa è dichiarazione a caldo, congiunta, del segretario della sezione PCI E. Berlinguer di Marino Stefano Enderle e di Sergio Santinelli, probabile candidato alla Camera dei Deputati per il Collegio 14, di Marino per la Lista Potere al Popolo. Pare che a votare ieri, come apprendiamo da “Il Mamilio”, siano stati appena circa 1175 elettori, vale a dire grossomodo il 3,6% degli aventi diritto. L’insulsa consultazione amministrativa ha visto esprimere a favore dell’ipotesi C (Via Divino Amore) circa 551 voti (47%) contro i 391 dell’ipotesi A, quella lungo la via Appia Nuova (33 %): percentuali minori per le altre due opzioni sulle quali i cittadini sono stati chiamati ad esprimersi. Ipotesi B a 183 voti, la D (l’ultima aggiunta) 43. “Come facciamo a non fare a immediatamente alcuni commenti? In primo luogo, rispettiamo quei cittadini che hanno voluto esprimere un impegno, già tradito prima di essere chiamato in causa. E diciamo loro – continuano Enderle e Santinelli, che la partecipazione attiva dei cittadini sulle cose importanti, noi l’abbiamo proposta appena insediata la Giunta, come il Bilancio Partecipato. La risposta che ne abbiamo ricevuto? Certo! Dopo un paio d’anni ve ne ha mai parlato nessuno di come gestire le scelte di uno o due milioni di Euro per il Bilancio Partecipato? Se non ve lo hanno detto in privato, sappiate che non hanno adottato nessun atto amministrativo per abbozzarlo! Anzi, su questo aspetto, permetteteci di farvi notare che la Sindaca Viriginia Raggi, comare politica di Colizza, ieri a pochi giorni dal voto regionale e politico, ha proposto in Campidoglio un regolamento per il Bilancio Partecipato! Oggi! A cinquanta giorni dal voto, ma loro sono il nuovo e l’onestà e non fanno promesse e giochetti della vecchia DC. Oppure si?”. “Infine – concludono il segretario comunista e il candidato alla Camera di Potere al Popolo – il famoso bluff del M5S che ha sempre detto che la loro presenza ed i loro voti sono sempre sinonimo di togliere dall’astensionismo passivo i cittadini per fargli comprendere come una nuova stagione sia alle porte, in questo specifico caso (oltre che in tutte le consultazioni dove la loro presenza non è stata mai affatto sinonimo di crescita di elettori al voto) come dobbiamo leggerlo? Come una validità della loro teoria ma del fallimento della chiamata di Sindaco e Giunta? Oppure di una chiamata che già prefigura l’abbandono di migliaia di disillusi del voto al M5S? Per fortuna, anzi, per scelta, d’ora in poi l’aria sarà diversa: per questo il PCI sostiene Potere al Popolo. Per questo, anche da questo piccolo lembo del collegio 14, quello di Marino (ma che si estende fino a Frascati, Colleferro etc) i comunisti sono qui al fianco dei cittadini. Oggi anche con un candidato locale alla Camera dei Deputati.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook3Share on Google+0

2 Comments

  1. Queste dichiarazioni ci riportano indietro di 70 anni !
    Politica morta e sepolta dagli eventi, dalla Storia e dal nuovo mondo …….

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*