Radon: le scuole di Marino sono nella norma!

Come molti a Marino sanno, il territorio presenta, sia in pianura ma anche nel centro storico, situazioni di alto rischio Radon. Il Radon è un gas radioattivo, seconda fonte dopo il fumo di patologie tumorali al polmone, oltre 3000 all’anno in Italia dai dati statistici dell’ISS. L’azione del Radon è lenta e costante, fino a provocare la patologia maligna statisticamente nell’arco di un paio di decenni, con particolare accanimento nei casi di soggetti fumatori.

Già dal 2005 l’amministrazione di allora avviò delle rilevazioni che per alcuni anni andarono a delineare nelle scuole e negli edifici pubblici di Marino quale fosse il livello di Radon presente: i valori risultarono da subito molto elevati. Va detto che la norma attuale nazionale (Dec. Leg.ivo 241/200), oggi in revisione per l’applicazione di una recente Direttiva europea 59/2013 in corso di recepimento nazionale, prevede dei limiti solo nei luoghi di lavoro, con un valore massimo fissato per la concentrazione di Radon a 500 Bq/m3, dove Bq sta per Becquerel. La nuova direttiva Europea 59/2013, una volta recepita fisserà a 300 Bq/m3 il limite massimo.

Nel 2013 i genitori di diversi plessi scolastici marinesi scoprirono, grazie ad una azione di informazione attraverso convegni della società civile e delle associazioni del territorio, che nelle scuole dei loro figli il valore del Radon era pericolosamente alto, a volte ben superiore o vicino al valore massimo ammesso. Da qui una serie di proteste e l’impegno dell’amministrazione di allora di avviare un’azione di risanamento. E così,  sin dal 2014 si sono avviate delle azioni di abbattimento del Radon che hanno visto il loro completamento nel 2017 con il ciclo delle nuove misurazioni.

Va detto, come specificato apertamente anche dall’attuale Assessore ai Lavori Pubblici Adolfo Tammaro in un recente convegno organizzato dall’Ass.ne “Gruppo di Presenza Mons. Grassi” sul tema del Radon, che le precedenti amministrazioni  furono molto solerti nell’avviare il progetto di risanamento che, ereditato poi dal Commissario prefettizio, ha concluso il suo ciclo con l’attuale amministrazione nel 2017.

La buona notizia è che, a far data dall’ottobre 2017, periodo in cui è stata presentata la perizia con i nuovi valori calcolati per il Radon dall’Esperto Qualificato Claudia Orlando,  le scuole di Marino sono tutte risultate sanate, con  valori massimi di Radon ben inferiori al valore massimo consentito anche in sede europea. Ma vediamo in tabella alcuni casi specifici di plessi scolastici in cui si riportano i valori massimi prima (2013) e dopo (2017) l’attuazione dell’abbattimento, precedentemente elevati e, oggi, sotto il tetto dei 200 Bq/m3.

Scuola Valore max 2013 (Bq/m3) Valore max 2017 (Bq/m3)
Elsa Morante (S, M. Mole) 472 99
Sandro Pertini (Marino centro) 954 137
Repubblica (S. M. Mole) 341 138
A. Vivaldi (S. M. Mole) 300 172

Una buona notizia che dà merito alle diverse amministrazioni che si sono succedute nel tempo nell’ultimo quinquennio e che hanno saputo dare una risposta concreta ad un problema, quello del rischio Radon nelle scuole, molto sentito dalla popolazione.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook10Share on Google+0

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*