Colizza: “il PD con Zingaretti tenta di preparare il regalo del Divino Amore ai costruttori”, ma Marino dice no!

© Tutti i diritti riservati. Puoi condividere questa immagine seguendo la nostra policy

Con un post durissimo, il sindaco di Marino  Colizza attacca il presidente uscente della Regione Lazio  Zingarettiambientalista a targhe alterne che sta avallando nell’ombra una speculazione da 1,3 milioni di metri cubi per 15.500 abitanti e dal valore di oltre un miliardo di Euro in località Divino Amore nel Comune di Marino.”

Una accusa precisa dopo la notizia arrivata anche alle associazioni e comitati ambientalisti di Marino di una seconda Valutazione di Impatto Ambientale proceduralizzata dalla Regione Lazio, su richiesta non più di Idea Fimit ma di DEA Capital sgr, sul finire del 2017, per il gigantesco centro commerciale al Divino Amore, centro che aprirebbe la strada alla grande cementificazione immaginata da Palozzi e il centro destra di Marino – di Silvagni, Cecchi, Pisani – e palesemente non contrastata dal PD di Zingaretti.

Si dice che Zingaretti racconti in giro la favoletta che gli atti sono precedenti al suo mandato e che non può fare nulla” incalza Colizza “peccato che sotto il suo mandato è stata presentata per la seconda volta una VIA per la costruzione di un mega centro commerciale da 100.000 m3 facente parte della mega speculazione e che – sino ad ora – non abbia mosso un dito, così fanno i professionisti competenti della politica.”

E ancora Colizza sul Divino Amore: “un progetto disastroso, nato dall’intesa politica tra Regione e Comune nel 2011 targati Centro Destra, su oltre 300 ettari di territorio nel Comune di Marino che ad oggi conta 45.500 abitanti e che, a fronte di questa speculazione, incrementerebbe la sua popolazione di oltre un quarto passando a 60.000 abitanti. Un carico antropico di vaste dimensioni, senza nessuna garanzia sulle opere pubbliche, che sicuramente comporterà una perdita di qualità della vita per gli abitanti di Santa Maria delle Mole, Frattocchie, Cava dei Selci e di tutti i centri abitati di Marino ad esclusivo vantaggio della DEA Capital Sgr.

Intanto trapela che l’Assessore Trinca abbia incontrato la scorsa settimana tutti i comitati e associazioni ambientaliste locali e nazionali per condividere le nuove informazioni sulla VIA e, a fronte della politica ambigua di Zingaretti e il PD alla Regione Lazio, ribadire che Marino non ha alcuna intenzione di avallare la distruzione del territorio e continuerà ad opporsi a questa nuova Valutazione di Impatto Ambientale, come già fatto con fermezza nella VIA di luglio 2017.  I Comitati sono già sul piede di guerra e sono pronti a fare la loro parte, come da sette anni a questa parte, a difesa dell’area del Divino Amore.

Noi combattiamo e combatteremo questa idea folle di sviluppo” conclude categorico Colizza nel suo post “che non tiene in conto delle ricadute sulla viabilità, sui trasporti e si traduce nella cancellazione definitiva di un territorio unico dal punto di vista naturalistico, archeologico e paesaggistico.”

Chi ha orecchi intenda, e chi deve votare si ricordi di cosa sono realmente Zingaretti e il PD!

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook39Share on Google+0

4 Comments

  1. Dispiace che il signor Lauri,
    navigato uomo di cultura e “animale politico” marinese, non riesca a cogliere la vera essenza di questo PD locale e regionale, assolutamente sordi al vero ambientalismo, e silenti, quando non corresponsabili, sulle cementificazioni che sfregiano il nostro territorio. Eppure non ci vorrebbe molto a dimostrare da che parte si sta: basterebbe semplicemente convocare il Comune di Marino per sedersi attorno ad un tavolo e procedere all’annullamento in autotutela dell’accordo Palozzi-Montino. Viceversa, sembra che le ripetute richieste avanzate da questa amministrazione per un incontro in tal senso siano state completamente ignorate, da oltre un anno, da parte del signor Zingaretti, amico degli ambientalisti nei suoi programmi/slogan elettorali, e amico dei costruttori e degli speculatori nei fatti della sua Giunta.
    D’altra parte, l’assordante silenzio, ridotto a sommessi latrati contro l’amministrazione a 5 stelle, dei rappresentanti del PD e delle varie sinistre locali, non fa che confermare quanto sia scottante per loro questo argomento. L’ordine di scuderia è quello di non parlare, non esporsi su questa materia, ci penseranno i loro referenti regionali a portare avanti il Progetto………
    Se vi sarà una colata di cemento al Divino Amore, nessuno sarà esente da colpe e responsabilità.

    • Signor Michele, prendo per oggettivamente positivi i suoi giudizi iniziali verso la mia persona 🙂 E dunque: gli atteggiamenti e i comportamenti politici del PD regionale e locale sulle colate di cemento marinesi, ci metterai anche en passant un bel po’ di PD nazionale, sono talmente espliciti e reiterati nel tempo che anche a chi “zoon politikòn” non è è facilissimo intercettare e capire come non belli, non ecologisti quasi in nulla. E sono realtà politicamente comportamentali che hanno spaziato dall’imbarazzo, ai tentativi barzotti, si dice a Marino, di fare un qualcosa di ” vagamente sopportabile” a vere e proprie porte aperte, nei fatti, per la gigantesca Scampìa Romana (io sono tranciante così) in zona Marino in provincia di Roma. Ma appunto chi ama la politica DEVE cogliere le possibili novità.Ho creduto, ho voluto credere, che l’on. regionale Lupi, autorevole esponente del PD, nella sua dichiarazione di ieri, fosse un abolizionista totale, ed efficiente (dava indicazioni istituzionali in questo senso, pareva a me) della Pompei Terzo Millennio che finalmente non s’ha da fare. Quando, ancor prima, settimane fa, ho constatato come tutti in Italia che l’on. Presidente Zingaretti poteva ufficialmente godere dell’appoggio di un Mito della legalità e della difesa dell’ecologia dello Spirito e della Terra come il sen. Grasso Presidente del Senato e Magistrato veramente senza la minima macchia e senza un filo di paura, gigantesco difensore dell’Ambiente, tra le altre commendevoli sue cause, mi son detto:” Se i LeU negano l’appoggio al pd in Lombardia e lo concedono nel Lazio, sicuramente è perché l’impegno è l’abolizione delle mostruosità”.Quindi, nonostante il passato del pd marinese,e le “essenze PD” da lei citate, avevo creduto di cogliere grandi segni, e sogni, di speranza concreta, amico Michele.Se poi quella che io chiamo la possibile deriva finale pidina mi fornirà un ennesima altra occasione di delusione profonda, trascinando in negativo una forza di prospettiva sociale consolatoria come Liberi e Uguali, ne trarrò le amarissime conseguenze-anche culturali- e dovrò accettare che la mia lunga, e sovente burrascosa ma penso (e spero) mai indegna navigazione politica, è stata contrappuntata troppo da scogli improvvisi di ingenuità più o meno lieve…confido molto, comunque, nel Sindaco Colizza e nella sua compagine di consiglio comunale. Sono un ex-psi, quel partito scioltosi nel 1993, e non sono pentastellato. Ma a Marino le 5 stelle, che al ballottaggio ho votato, ancora non mi hanno deluso. La saluto con stima, Michele.

  2. Più sopra avevo dimenticato di specificare il mio cognome.Mi scuso e riparo. Orbene:ho letto una riflessione del consigliere regionale Lupi del Partito Democratico.Se ne può ricavare, penso, che l’addebito di inerzia al sindaco Colizza sulla megalottizzazione mostruosa derivi in fondo da una sorta di valutazione di “isolamento” dell’esecutivo 5 stelle a Marino.Penso ciò perchè nella chiosa Lupi, sembra a me, quasi invoglia tutti coloro che sono fortemente contrari allo scempio a sedersi intorno a un tavolo “istituzionale” per più consistentemente e senza magari “proclami” riuscire a mantenere per sempre solo verde e solo vita degna di essere vissuta in quella vasta zona.Se fosse così se ho interpretato bene,sarebbe un clima politico generale finalmente pieno di grandissima speranza.

  3. Il consigliere comunale del centrodestra, rieletto, avv Pisani Remo argomentò con sollecitudine il suo grande pentimento alla megalottizzazione trasformandola in mozione.Fasi un po’ convulse e pasticciate ( ma gli è che che TUTTA l’operazione dal suo nascere è un megapasticcio brutto peggio di quello di Gadda) determinarono poi l’astensio e dello stesdo proponente.Qualcosa pur significa questa resipiscenza.I pentastellati a Palazzo Colonna sapranno convincere Zingaretti e i suoi alleati di Leu col magistrato Grasso leader uomo probo specchiato e fortissimamente ambientalista a soprassedere all”orrore, ne sono convinto.E Marino non sarà seppellita da una òrrida, devastante Scampía romana.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*