Il centrosinistra traballa sul Divino Amore: tutte le contraddizioni da Zingaretti alla Di Giulio, passando per Lupi

— Casale Negroni nella zona del Divino Amore di Marino © Tutti i diritti riservati. Puoi condividere questa immagine seguendo la nostra policy

Che il centrosinistra Marinese e del Lazio, e in particolare Zingaretti, sia in difficoltà sul territorio di Marino nella campagna elettorale  per le regionali  non è un mistero. Infatti, proprio a Marino, tutti quelli che hanno letto un minimo di atti e seguito i fatti sulla cementificazione voluta dal centrodestra al Divino Amore nel 2011 sanno dei silenzi durati un intero lustro di Zingaretti sul cemento, dei suoi ammiccamenti a Parnasi già da presidente della Provincia  e delle mancate disponibilità per lunghissimi mesi nei confronti della Giunta di Marino che con Colizza chiede  insistentemente, formalmente e informalmente, di incontrarlo sul tema del Divino Amore.

I fatti sono semplici e, a quanto si vede dalle reazioni, indigeribili per il PD: se non ci fosse la maggioranza del M5S al governo di Marino oggi al Divino Amore ci sarebbero le ruspe in azione da un bel pezzo.

E questo lo sanno tutti:

  • Zingaretti, che si rifiuta di incontrare Colizza dopo molteplici richieste da oltre otto mesi;
  • la Di Giulio, che nella sua foga di difendere l’indifendibile  non riconosce le azioni svolte in 19 mesi dalla maggioranza M5S che hanno di fatto bloccato l’operazione;
  • Simone Lupi, cons. regionale ex sindaco di Ciampino, che ancora non ha neanche capito che al Divino Amore non c’è nessuna concessione rilasciata e che il risultato sull’ultima VIA partita in silenzio a novembre 2017 potrebbe essere per il PD la sconfitta definitiva dell’ipocrisia sulla cementificazione dell’area.

Dispiace anche, avendo molti di Marino seguito da vicino le vicissitudini degli ultimi 7 anni su questa storia, che la genuina e intelligente Di Giulio abbia dimenticato quanto l’avvocato di ADA (Argine via Divino Amore), l’esperto avv. Giorgio Marino, ebbe modo di spiegarle prima dell’ultima campagna elettorale:

Attenti” disse l’avv. Giorgio Marino alla Di Giulio, a Tammaro, ai rappresentanti del M5S  e a un centinaio di cittadini marinesi ambientalisti presenti in un incontro pubblico presso il locale Rosenplatz “gli atti del Divino Amore costituiscono una procedura complessa, vanno smontati uno ad uno, piano piano, con grande attenzione, senza fughe in avanti e avventate revoche o annullamenti.”

E questo, guarda il caso, è proprio quello che sta facendo il M5S  e che oggi, di fatto, inchioda ancora al palo l’avvio della cementificazione.

Ma rinfreschiamo, per dovere di cronaca, questi atti a beneficio dei cittadini:

  • prima la mozione di giunta ad agosto 2016 che segna la discontinuità con inversione di rotta sul progetto di cementificazione,
  • poi quella di consiglio comunale a settembre 2016, votata anche dalla Di Giulio (ma forse lo ha dimenticato) che incarica il Sindaco di trovare con la Regione Lazio una via d’uscita per l’autotutela,
  • poi l’approvazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile  che interessa alcune delle zone del Divino Amore con le Aree di Attesa e Accoglienza a novembre 2016;
  • poi l’approvazione del nuovo Cono di Volo ENAC , che interessa l’area della speculazione, e il recepimento del Piano  Territoriale Provinciale Generale nel giugno 2017, che impatta pesantemente il progetto;
  • poi l’avvio del procedimento nel giugno 2017 che conduce all’iter di progettazione di un nuovo Piano Regolatore Generale.

Al contempo, sempre il M5S, ha sostenuto una opposizione sugli aspetti urbanistici a tutti i livelli in Regione, ha scritto una prima volta con Colizza a Zingaretti nell’autunno 2016 sul tema del Divino Amore, ha inviato l’ass. Trinca da Civita molteplici volte per avviare un dialogo che la Regione non vuole, ha presentato osservazioni tombali, con i comitati ambientalisti, nella Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA) di luglio 2017 per il Mega centro Commerciale – di fatto affossando il primo tentativo -, ha scritto con Colizza una seconda  lettera formale a Zingaretti per avviare incontri diretti tra di loro  già dal giugno 2017 – ben lontano quindi dalla campagna elettorale – per procedere ad approfondimenti sulle illegalità e irregolarità di un iter e un progetto che grida vendetta, e infine ha supportato i tecnici comunali arrivando alla emissione di ordinanze di sospensione  delle attività edificatorie per le società che costruiscono in area Mugilla, una delle cementificazioni di ‘contorno’ alla mega operazione Marino 2.

Questi i fatti sui passi, importanti, decisi e continui, che rendono oggi la finalizzazione dell’operazione Divino Amore più difficile di due anni fa: questo Zingaretti lo sa, per questo non risponde a Colizza e tenta la carta, evidentemente colpevole, del silenzio. A pensarci bene,  se tacessero anche gli altri del PD, forse, viste le argomentazioni deboli che propongono, farebbero più bella figura con gli elettori!

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook28Share on Google+0

1 Comment

  1. Per me più di una “cementificazione” si tratterebbe della fine della possibilità di una vita degna e decorosa non solo per i tredicimila nuovi sfortunati residenti eventuali ma anche, a livello radioattivo socio-cultural-esistenziale,per i marinesi dell’intero territorio comunale.Resto malgrado tutto molto fiducioso,lo voglio ribadire magari anche a me stesso, oltre alla posizione di Colizza e della sua maggioranza che è seria e encomiabile, dell’apporto al centrosinistra regionale della lungimiranza, dell’acume, della lealtà verso le cause buone e buonissime del partito LeU guidato da una personalità specchiatissima: il sen.Pietro Grasso. Se il Pd e il presidente Zingaretti dovessero continuare nel loro atteggiamento drammaticamente ondivago ed esiziale, politicamente saranno illuminati e convinti sicuramente dagli inflessibili scissionisti-non mi viene altro termine ma è detto con rispetto- “a sinistra incisiva e netta” di LeU.È un personale mio punto di vista che forse appare, però, come qualcosa di oggettivo e ineludibile.E spero proprio di non sbagliarmi: per i nostri figli, i loro figli e i discendenti futuri del nostro territorio.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*