Contenuti diffamatori su Internet? Come attivarsi per farli rimuovere

© Tutti i diritti riservati dall'autore. Vai al sito originale.

di Domenico Brancato

Premesso che Internet è una rete internazionale di computer e apparecchiature informatiche che possono comunicare fra di loro, cioè tale da consentire ad un utente di disporre di una fonte praticamente illimitata d’informazioni e della possibilità, a sua volta, di trasmetterle in tutto il mondo. Ne consegue che Internet risulta essere uno strumento estremamente potente, oltre che molto conveniente, in virtù del fatto che consente di trasmettere a costo molto basso, quasi nullo, testi, immagini, filmati, files e registrazioni audio.
Questa caratteristica permette a ciascuna persona che disponga di un PC o un cellulare collegato ad Internet di fruire, in modo semplice ed ultraveloce, di molteplici e straordinarie potenzialità di condivisione di immagini, commenti e riflessioni.
Vantaggi non indifferenti ai quali, però, possono contrapporsi situazioni negative e compromettenti, dovute alla diffusione di pubblicazione sulla rete di contenuti diffamatori, rappresentati da:

  • foto poco lusinghiere;
  • post (comunicazione in cui il messaggio può essere costruito su una notizia, senza alcuna verifica della veridicità della stessa, finalizzata a suscitare una reazione emotiva del destinatario) ;
  • dati sensibili (numero di cellulare, indirizzo di casa, ecc.);
  • articoli.

Pertanto, in considerazione delle accennate straordinarie possibilità relative alla propagazione di informazioni di ogni genere, prima di rendere nota ad una immensa platea di utenti qualsiasi tipologia di comunicazione personale, occorre riflettere attentamente sulla probabilità di una sua eventuale perversa utilizzazione e sulle possibili compromettenti conseguenze, immediate e future, che ne potrebbero derivare.
Qualora, però, tale accortezza non sia stata messa in atto e si incappi in situazioni sconvenienti, vediamo come procedere per poter far rimuovere i contenuti divenuti lesivi della propria immagine:

  • tentare il dialogo con chi ha pubblicato il contenuto, per cercare di addivenire, in maniera amichevole, alla soluzione sperata;
  • qualora il tentativo di dialogo diretto dovesse risultare impossibile o inefficace e la piattaforma (ad esempio: Facebook, Twitter, Google, Youtube) interessata includesse, tra le sue funzioni, quella di segnalare contenuti di cui si desidera la rimozione, si può inoltrare la segnalazione ai responsabili del sito (che può essere chi ha registrato il sito, il gestore del sito –webmaster- o lo staff di gestione del servizio web). I quali, vagliata la richiesta, potranno provvedere alla eliminazione del contenuto incriminato e, in alcuni casi, alla sospensione di un account (Chiave di accesso personale ad Internet, formata da un nome utente – username – e da un codice segreto – password) particolarmente molesto;
  • se poi i metodi precedenti non dovessero fornire gli esiti sperati, specie se i danni all’immagine che possono derivare dalla diffusione della pubblicazione, dovessero risultare rilevanti, resta sempre possibile ricorrere alla giustizia, rivolgendosi alla Polizia Postale, il cui impegno è particolarmente finalizzato al continuo adeguamento della propria risposta alle nuove frontiere tecnologiche della delinquenza, del malcostume e del cyberbullismo.

La richiesta di informazioni o l’invio di segnalazioni di violazioni di norme o di manifestazioni di stalking (ripetuti comportamenti realizzati dal soggetto persecutore nei confronti della sua “vittima”, sotto forma di minacce, molestia e atti lesivi tali da indurre, nella persona che li subisce, un disagio psichico e fisico derivanti da un profondo senso di timore) agli Uffici preposti alla ricezione (attivi 24 ore su 24 e 7 giorni su 7), può essere inoltrata attraverso i seguenti recapiti:

  • www.commissariatodips.it e tel. 114, nei casi di emergenza;
  • oppure, per il Compartimento Polizia Postale Lazio di Roma Viale Trastevere,191 – 00100 ( Roma – RM ):

– Telefono Centralino: 06/5813608
– Telefono: 06/58113429 – 06/5814225;
– E.Mail: ti.ot1531973110atsid1531973110aizil1531973110op@mt1531973110.letl1531973110op1531973110

Ovviamente, si raccomanda di utilizzare i recapiti di cui sopra esclusivamente per effettiva necessità, sia per evitare l’inutile e pregiudizievole intasamento dei canali di comunicazione e sia per non incorrere in provvedimenti disciplinari, nel caso si scoprisse trattarsi di insensate burlesche segnalazioni.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*