Flavio Silvestre: Via Bellucci, massimo il supporto del Comune, ACEA sta ripristinando il servizio e ha sporto denuncia per l’accaduto

Il consigliere comunale Flavio Silvestre
— Il consigliere comunale Flavio Silvestre (foto di Cristiano Paris) © Tutti i diritti riservati dall'autore. Riproduzione e condivisione sono vietati

Il problema dell’acqua di via Bellucci ha tenuto in preoccupazione e senza acqua diverse famiglie. Molte le lamentele, sia nelle strade sia sui social, e molte anche le domande che sono arrivate  qui a NoiCambiamo.it sull’inspiegabile fenomeno dell’acqua torbida e nera che dal 27 giugno scorso ha cominciato ad uscire dalle tubazioni dell’acqua gestite a via Bellucci, come nel resto di Marino, da ACEA.

Per capire di più abbiamo chiesto al consigliere Flavio Silvestre, delegato per il tema dell’acqua,  come siano andate le cose e quale sia la situazione attuale.

Cons. Silvestre, quando è cominciato il disservizio?

Parliamo della fine di giugno. A seguito delle numerose segnalazioni ricevute dai cittadini di via Bellucci, Acea ha emesso, in data 27.06, un’informativa nella quale descrive una situazione di “elevata torbidità” a momenti alterni in svariati civici relativi alla zona di via Bellucci, intorbidimento che evidenzia un’adulterazione dell’acqua e di fatto un potenziale pericolo per la salute ben al di fuori dei valori normativi vigenti. L’informativa continuava imponendo l’immediata chiusura della fornitura idrica alle utenze dell’intera via a scopo cautelativo, riconducendo, dopo una prima analisi, l’anomalia ad un’utenza specifica, aggiungendo che la stessa utenza era stata oggetto di un intervento al fine di eliminare il problema. Contestualmente è stato fornito ai cittadini il servizio di autobotte per mettere a disposizione acqua potabile e limitare, per quanto possibile, i disagi.

Ma il Comune come si è attivato alla luce del disservizio?

Appena venuti a conoscenza del problema ci siamo subito attivati emettendo un’ordinanza sindacale, il 27.06, che vietava l’utilizzo dell’acqua per scopi diversi da quelli  igienico/sanitari, pubblicandola su tutti i canali istituzionali e recapitandone una copia cartacea ad ogni nucleo familiare e attività commerciale residenti nella zona coinvolta dal problema, ordinanza richiamata anche da una nota del dirigente dei lavori pubblici indirizzata ad Acea. Dopo una serie di fitte conversazioni con ACEA, il Sindaco ha deciso di emettere una seconda ordinanza, il 30 giugno scorso, nella quale chiede ad Acea di riaprire l’acqua ed effettuare la bonifica della rete idrica coinvolta ribadendo che l’utilizzo dell’acqua rimane ad uso esclusivamente non potabile e per i soli scarichi dei servizi igienici.

Dopo vari prelievi Acea, tramite altra informativa, ha comunicato che il giorno 03/07 avrebbe effettuato una bonifica dell’impianto, riaprendo la fornitura idrica come non potabile, rimandando le analisi sulla potabilità dell’acqua al giorno successivo in presenza dell’ASL.

Ma quando tornerà il servzio normale per l’utenza di via Bellucci?

Riguardo alle tempistiche, dopo la riapertura dell’acqua per il solo uso degli scarichi dei servizi igienici, siamo in attesa di conoscere le ulteriori azioni che Acea ha intenzione di intraprendere per la bonifica definitiva della rete idrica coinvolta, bonifiche che si concluderanno con le controanalisi da parte dell’ASL che certificheranno il ritorno alla potabilità dell’acqua. Per nostro conto continueremo a monitorare l’evolversi della situazione fornendo, come è stato sin dall’inizio di questa spiacevole vicenda, il nostro supporto ai cittadini e ad Acea qualora si rivelasse necessario, auspicando che tutto si risolva quanto prima.

Saranno gli organi competenti nelle sedi opportune ad individuare eventuali quote di responsabilità dell’increscioso problema che si è verificato. ACEA dal canto suo ha esposto denuncia contro ignoti, io posso solo ribadire la totale dedizione dell’amministrazione comunale nella ricerca di una soluzione che potesse provocare il minor disagio possibile alla popolazione già fortemente penalizzata e provata dall’accaduto.

Quindi, da quanto capiamo dalla sua ricostruzione il problema è stato  affrontato con la massima sollecitudine possibile da parte ACEA e con il pieno impegno del Comune?

Direi di sì, come evidenzia quanto ho detto. A tal proposito vorrei fare un ringraziamento al Sindaco per la risolutezza nell’emissione di ordinanze, atte al ridurre i tempi di disagio; uno ai tecnici preposti degli uffici comunali a partire dal dirigente, che si sono resi estremamente disponibili per l’interesse pubblico e un sincero ringraziamento anche al capo della segreteria del Sindaco, Diego Caponera, per il grande supporto che ha dato al sindaco stesso ma anche al sottoscritto, per tutta la durata di questo grave disservizio.

Ribadisco che il sottoscritto è sempre disponibile per chiunque avesse problemi o dubbi su ciò che è inerente alla tematica di ACEA Ato 2 sul territorio del comune di Marino, ed a questo proposito colgo l’occasione per lasciare la mia mail ti.mr1542054360.onir1542054360am.en1542054360umoc@1542054360ertse1542054360vlis.1542054360oival1542054360f1542054360 per eventuali necessità dei cittadini.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*