L’ass. Trinca e l’Università della Tuscia per il rilancio di una sana urbanistica a Marino: il 13 luglio la Conferenza pubblica

© Tutti i diritti riservati. Puoi condividere questa immagine seguendo la nostra policy
 
Su iniziativa del Comune di Marino ed in seguito alla convenzione stipulata con  l’Università della Tuscia” informa l’ass. all’Urbanistica Andrea Trinca “si terrà  venerdì 13 luglio 2018 alle ore 17,00 presso la Sala Consiliare di Palazzo Colonna la Conferenza Pubblica sul tema del “Valore economico dei servizi eco-sistemici e pianificazione territoriale, per approfondire tematiche urbanistiche ed ambientali volte ad una nuova pianificazione considerando la stretta relazione tra consumo di suolo e rischio idraulico. Saranno altresì illustrate le tecniche di difesa del territorio con l’uso sostenibile del suolo.”

La Conferenza è rivolta a professionisti e a tutti i cittadini. Interverranno per il Comune di Marino l’Assessore all’Urbanistica Andrea Trinca e per l’Universita’ della Tuscia, il Prof. Nicola Lacetera (Direttore DAFNE), il Prof. Antonio Leone, il Prof. Fabio Recanatesi e la Prof.ssa Maria Nicolina Ripa.

L’iniziativa rientra nell’ambito della convenzione firmata a marzo del 2017 con l’Università degli Studi della Tuscia Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali (DAFNE).

Altri articoli che potrebbero interessarti:

2 Comments

  1. Non fa una grinza, ed è grave che gli amministratori ed eletti del Consiglio Comunale di Marino, non sentano il bisogno di intervenire e partecipare ad un Convegno importantissimo e quanto mai “caldo” per come argomenti trattati. Sul tema dell’Urbanistica a Marino si gioca il futuro del nostro territorio e dell’Amministrazione comunale, e la latitanza delle forze politiche, di tutti gli schieramenti, è un segnale pessimo per tutti, e certifica il generale stato di rassegnazione e di sfiducia, oltre che l’incapacità della Politica di fare il proprio dovere.

  2. MARINO RIVENDICHI IL TITOLO DI CITTA’ ONESTA E LABORIOSA. SI DISSOCI DAL MALAFFARE E DALLA CORRUZIONE. COLLABORI CON I MAGISTRATI PER ACCERTARE TUTTI I RESPONSABILI DEL SACCO URBANISTICO DEGLI ANNI PASSATI.

    Nell’Aula Consigliare del Comune si è svolta una pubblica conferenza su ambiente e pianificazione territoriale in funzione della elaborazione di un nuovo Piano Regolatore per Marino. Il titolo del manifesto del Sindaco: “ Valore economico dei servizi eco-sistemici e Pianificazione Territoriale”, avrebbe dovuto richiamare folle di professionisti e di cittadini. Invece nell’Aula Consigliare del Comune eravamo come i 4 amici al bar. Non erano assenti solo i professionisti e i cittadini; mancavano tutti i consiglieri comunali di maggioranza e di opposizione. Erano assenti anche il Sindaco e il consigliere regionale grillino di Marino on. Marco Cacciatore, Presidente della importante Commissione Urbanistica del Consiglio Regionale che, se presente, avrebbe avuto molte cose da dire data la posizione determinante dei Cinque Stelle nei confronti di Zingaretti privo di maggioranza. Un flop così clamoroso non può passare sotto silenzio. Il Sindaco e la sua maggioranza devono spiegare perché mancano ad un appuntamento così importante per le sorti future della Città. Le cronache giudiziarie di questi ultimi tempi dovrebbero suscitare nell’Amministrazione Comunale e nei cittadini un sussulto di dignità e di orgoglio per respingere la gogna mediatica che ha investito anche la nostra città per essere stata associata alle inchieste giudiziarie dello stadio della a.s. Roma e al coinvolgimento delle Amministrazioni di Palozzi in quello che è stato definito dai Magistrati “il sistema Parnasi”, quello cioè di acquistare terreni non edificabili e trasformarli in attività speculative grazie alla corruzione di funzionari e politici dei Comuni e della Regione Lazio. Un sistema che getta fango sulla città di Marino destinato a durare e che è dovere del Sindaco, della Giunta e del Consiglio Comunale collocare nel tempo passato e dimostrare che si è svoltato adottando provvedimenti che impediscano al nostro territorio di essere definitivamente distrutto ove dovessero andare in porto le lottizzazioni illegali. Come ho rilevato nel mio intervento nel corso della Conferenza i fatti risolutivi per bloccare l’immane speculazione del Divino Amore per il momento restano in stand by. Non si comprende come a due anni dall’insediamento del Sindaco Colizza non sia ancora pervenuto a conclusione l’analisi di tutte le legge urbanistiche statali e regionali violate e i vincoli archeologici, paesaggistici, agricoli ed ecologici del Piano Territoriale Generale della Provincia di Roma in vigore dal 9 marzo 2010, tutti elusi, sia in sede tecnica che politica sia al Comune che alla Regione Lazio e che non consentivano di edificare su quei 300 ettari agricoli neppure un metro cubo. Proprio perché quando il 3 agosto del 2011, in una notte di piena estate, al Comune di Marino sono state approvate le lottizzazioni illegali erano in vigore i vincoli sull’incremento massimo abitativo del 30% imposto dalla L.R. 72/75 che il Comune di Marino aveva abbondantemente superato, mentre la Giunta della Regione Lazio e la sua Presidente Polverini il 15 febbraio 2013, ad una settimana dal voto che elesse Presidente Zingaretti, non poteva approvare quelle lottizzazioni non soltanto per le leggi e i vincoli violati ma anche perché, da quando nel settembre 2012 si era dimessa, era in carica solo per l’ordinaria amministrazione. Nel mio intervento ho anche rilevato il paradosso della calata dal Nord verso il nostro territorio delle multinazionali del commercio. Clamoroso il caso di Esselunga che vuole trasformare il Palazzo del Ghiaccio in un grande supermercato, facendo finta di non sapere che l’Amministrazione Comunale al tempo cedette l’area in uso per 99 anni vincolando la costruzione all’uso sportivo. Perciò ho affermato che non può mancare l’adozione di una delibera di salvaguardia che impedisca iniziative speculative come quelle delle lottizzazioni o quella del tentativo di trasformare Marino in una grande multinazionale del commercio. La sensazione che a Marino l’Amministrazione sia in sonno è probabilmente eccessiva. Però è un fatto che a oltre due anni dal suo insediamento e dalle promesse roboanti fatte in campagna elettorale alla presenza di un Di Maio osannante, ancora stiamo aspettando la soluzione definitiva. Colizza si convinca che Marino è desolatamente deserto. E’ ora di fare e di dimostrare con i fatti che si cambia davvero per costruire una nuova realtà basata sulla legalità e sul soddisfacimento delle esigenze dei cittadini a partire dal recupero dell’Ospedale, la cui chiusura è un vergognoso capitolo che non si può più tollerare.

    Marino, 15 luglio 2018 on. Giulio SANTARELLI

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*