Assemblea delle donne dei consultori: incontro a Marino sulla RU486

© Tutti i diritti riservati dall'autore. Vai al sito originale.

Pubblichiamo di seguito il Comunicato Stampa dell’ASSEMBLEA DELLE DONNE DEI CONSULTORI-ASL RM6.

16 marzo assemblea presso il consultorio di Marino ore 16.00 – Ospedale di Marino

Interrompere una gravidanza non desiderata non deve essere l’espiazione di una colpa e nemmeno un processo. Queste sono teorie e pratiche malsane della Chiesa e della destra.

Oltre ad un utilizzo responsabile della contraccezione che permette di prevenire una gravidanza, l’ Interruzione Volontaria di Gravidanza (IVG) con la legge 194/78 è il grande risultato delle lotte femminili e prevede l’utilizzo gratuito di ogni metodo innovativo per farlo. La RU è uno di questi.

La Regione Lazio, come la Toscana e altre, ha deliberato il suo utilizzo in ospedale dal 2008, anche in day hospital. Le donne infatti, nel 76% dei casi, rifiutano il ricovero.

Nella RM6 adesso si potrà assumere la RU 486 nell’Ospedale di Marino, con accesso diretto 3° piano il martedì dalle 8.00 con carta d’identità, libretto sanitario e beta HCG.

Ma la storia non è stata e non è semplice. Tante sono le difficoltà e gli imprevisti che si presentano alle utenti e al personale medico sanitario.

Diamo intanto un po’ di numeri in generale. Nella Regione Lazio l’obiezione di coscienza la fa da padrona: i NON OBIETTORI sono solo il 22,5% tra i medici; anestesisti 30,7%; ostetriche 40,7%; OTA e personale infermieristico 58%. Il ricorso all’urgenza è aumentato del 27%. Così come aumentano i giorni di attesa prima di effettuare l’intervento. Fino agli anni ’90 la richiesta di IVG si era stabilizzata. L’età della paziente era 35-39 anni. Forte è stato poi l’aumento delle donne provenienti da paesi a forte pressione migratoria, oggi stabile. Diminuisce il ricorso al giudice tutelare per le minorenni, adesso maggiormente accompagnate dal consenso di un genitore. Nell’ultimo triennio sempre più italiane minori di 18 anni. Maggiore richiesta da donne con figli. Tra disoccupate invece che tra casalinghe. Lo stato civile delle italiane è più spesso di coniugate. Quasi il 50% delle richieste di Ivg sono fatte al consultorio. A Marino 431 nel 2014, 370 nel 2015. A Genzano 5 nel 2014; 10 nel 2015. Nella RMH dal 1990 la diminuzione del ricorso all’IVG è stata del 27,7%, certo grazie al lavoro di informazione dei consultori. E se a Frosinone, il calo di richieste di IVG risulta del 61,6%, è stato semplicemente perché in quella provincia l’IVG NON SI FA.

Il chiaroscuro insomma è termine utilizzato per definire l’applicazione della 194, come quello di a macchia di leopardo per le sedi dove si effettuano interventi o si fornisce la RU.

Come negli anni passati vi era difficoltà ad ottenere la semplice pillola anticoncezionale d’emergenza, adesso il percorso ad ostacoli è per l’accesso a quella abortiva; è di pochi giorni fa il tour di una donna di Padova per ben 23 ospedali tra Veneto e Trentino per ottenerla.

La protervia di medici e politici non ci dà tregua. Attenzione e controllo politico femminista non sono mai abbastanza. Anche per questo, siamo qui: ennesima assemblea, ennesimo scambio, ennesima volontà di resistenza.

ASSEMBLEA DELLE DONNE DEI CONSULTORI-ASL RM6

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook11Share on Google+0

1 Comment

  1. Credo sia giusto, al momento, in assenza di altri ruoli istituzionali del PCI, condividere totalmente e ringraziare per la vigilanza, la puntualità e la denuncia chiara, proposta dalla Assemblea delle Donne dei Consultori RM6 (Castelli romani e litorale).

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*