Il Mitreo di Marino, una storia lunga 55 anni – Prima parte

— Il Mitreo di Marino © Tutti i diritti riservati. Puoi condividere questa immagine seguendo la nostra policy

Parlando recentemente  con l’Assessore alla cultura e Vicesindaco avv. Paola Tiberi abbiamo saputo che uno degli obiettivi che vorrebbe raggiungere al più presto è quello dell’apertura al pubblico del Mitreo di Marino. Sperando che questo obiettivo, dopo tanti annunci del passato, sia davvero raggiunto dall’attuale amministrazione ci siamo fatti una domanda:

quanti tra gli abitanti di Marino sanno che sul nostro territorio c’è un Mitreo molto importante e cosa si sa sulla sua storia e sul suo significato?

Per soddisfare le curiosità di qualche nostro lettore che non conoscesse questo rilevante sito Marinese abbiamo chiesto ad un archeologo nostro concittadino, il dott. Marco Cavacchioli, di aiutarci a ricostruire la storia del Mitreo, a partire dalla sua scoperta casuale avvenuta negli anni ’60 del secolo scorso. Pubblichiamo oggi la prima parte dell’articolo che, ripartito in tre segmenti, vedrà pubblicate le altre due parti con cadenza quindicinale. Buona lettura!

La Redazione

________________________________

Il Mitreo di Marino, una storia lunga 55 anni

di Marco Cavacchioli –

1° Parte –  Dalla scoperta agli anni ’80 –

LA SCOPERTA

L’affascinante storia della scoperta del Mitreo di Marino inizia nel 1960, quando un impiegato delle Ferrovie dello Stato il sig. Vincento Zoffoli acquistò un terreno nei pressi della stazione ferroviaria di Marino per costruirci una casa.  Solo tra Aprile e Giugno 1962 il nuovo proprietario darà inizio ai lavori di scavo preliminari per la costruzione della cantina con annessa grotta per la conservazione del vino. Durante i lavori di scavo si aprì un vuoto sotterraneo con un lungo corridoio (circa 26 metri) nella cui parete di fondo emergeva lo splendido dipinto con la  raffigurazione del dio Mitra nell’atto di uccidere il toro. La scoperta dallo straordinario valore storico, artistico e archeologico però non venne subito comunicata alle autorità competenti, tanto che il proprietario una volta ripulito l’ambiente sotterraneo (con una perdita irreparabile dei dati archeologici) cominciò ad utilizzarlo effettivamente per la funzione per cui era stato destinato, come cantina per la conservazione delle botti da vino.

 

MITRA IN VENDITA

Circa sei mesi dopo la scoperta del mitreo con raffigurazione del dio Mitra, appare tra gli annunci del Messaggero del 10 Gennaio 1963 (Sezione “Antichità oggetti d’arte e libri”) un curioso annuncio che recitava: “Affresco del 20 dopo Cristo raffigurante Dio Mitra vendo ad amatore”. La coincidenza strettissima tra data e rarità del ritrovamento ci porta alla necessaria considerazione,  che se da lì a un mese, non fosse venuta alla ribalta la notizia del ritrovamento, probabilmente il dipinto sarebbe stato staccato e venduto, e quindi irrimediabilmente perduto.

 

LE PRIME NOTIZIA SULLA STAMPA

Solo un mese dopo, a Febbraio, la notizia della scoperta salterà fuori in un articolo di un giornalista, il quale, essendo uno dei compratori del vino Zoffoli presso la sua cantina, si accorse subito della figura del Dio Mitra in fondo alla corridoio e pubblicò ciò che aveva visto in un articolo ne Il Messaggero del 6 Febbraio 1963, dal titolo “Un tempio di Mithra nella cantina di un vinaio – Importante ritrovamento avvenuto in questi giorni”. Il giornalista scriverà: “A Marino nella cantina di un vinaio, è avvenuta per caso, una delle scoperte archeologiche più interessanti dei nostri tempi: un tempio sotterraneo dedicato al dio Mithtra, con un bellissimo affresco”. Il Soprintendente alle Antichità dell’epoca Giulio Iacopi ne apprese la notizia proprio solo grazie questo articolo tanto che il giorno dopo, si affrettò a  trasmettere una nota relativa all’importante scoperta all’agenzia Ansa e nello stesso tempo ad inviare una lettera al ministro della Pubblica Istruzione nella quale si lamentava come il Mitreo: “fosse stato ignorato per mesi da tutte le autorità locali (Sindaco, Carabinieri, Commissariato di P.S.) che avrebbero dovuto informare la Soprintendenza”. Il giorno successivo 8 Febbraio 1963, uscirà sempre su Il Messaggero un articolo  con spunti ancora più interessanti dal titolo: “Dopo la rivelazione del «Il Messaggero» dell’eccezionale ritrovamento archeologico – Il Soprintendente visita la grotta nella cantina di Marino che nell’antichità fu un tempio per il culto del dio Mithra”.  

L’articolo riporterà il fatto che l’importante scoperta non solo era conosciuta dalla popolazione locale ma  anche dallo stesso Sindaco Giulio Santarelli (eletto giovanissimo, in carica dal 1961), il giornalista ricorderà come: “il mitreo di Marino è stato ritrovato otto o dieci messi addietro e del ritrovamento era a conoscenza l’intero paese. Infatti durante tutto il tempo trascorso dal giorno dell’eccezionale scoperta fino a ieri l’altro, il monumento non ha mancato di essere metà di amici e conoscenti dello scopritore e perfino del sindaco di Marino”.  Inoltre sottolinea il giornalista: “Qui da noi le autorità competenti sono sempre le ultime ad apprendere quanto avrebbero diritto e il dovere di conoscere per prime: si fa una costruzione abusiva e il Comune lo sa soltanto quando è terminata; si sopraeleva abusivamente un fabbricato nel centro storico e soltanto quando il promotore dell’iniziativa vi va ad abitare interviene il Comune per iniziare una pratica «burocratica» di punizione che in genere, si conclude con piena soddisfazione del cittadino irrispettoso delle leggi e regolamenti”.

Ormai la scoperta del Mitreo era divenuta di dominio pubblico, tanto che subito si creò molto interesse intorno al monumento da parte di tanti curiosi generando anche un problema di ordine pubblico. In Aprile del 1963 la Soprintendenza alle Antichità comunicava a Vincenzo Zoffoli, la sua nomina a custode del monumento, con l’impegno di una manutenzione decorosa e l’apertura al pubblico in giorni stabiliti: tutti i lunedì dalle 10 alle 16.

 

I PROBLEMI DI CONSERVAZIONE 

Ma i problemi non tardarono a sopraggiungere,  in prima istanza di ordine strutturale, già nel 1965 il Ministero della Pubblica Istruzione stanziò dei fondi e autorizzò dei lavori per arginare lo scolo delle acque nel monumento, e in secondo luogo predispose la sistemazione definitiva della proprietà che non poteva rimanere a lungo in sospeso  ad un privato.

Ma fu solo tra Marzo e Aprile del 1972 che il Ministero della Pubblica Istruzione emise un provvedimento nel quale si dichiarava il Mitreo di Marino appartenente allo Stato, e contestualmente avviò le pratiche per l’esproprio a Vicenzo Zoffoli di una porzione di immobile per consentire l’accesso indipendente del monumento rispetto alla proprietà.

 

ATTRAVERSO GLI ANNI 70 E 80

Negli anni ’70 e ’80  si susseguirono numerosi interessamenti di politici, personaggi illustri, petizioni popolari e iniziative per sollecitatore una manutenzione del Mitreo adeguata rispetto ai reali problemi strutturali e di conservazione.  Nel frattempo venne definita la cifra per il cosiddetto  “premio di invenimento” del Mitreo erogato dallo Stato al proprietario che si concretizzo nella cifra di  20.000.000 di lire, somma da dividersi in parti uguali tra  Vicenzo Zoffoli proprietario della cantina e Argeo Vergari proprietario del terreno.

Il Mitreo attraverserà tutti gli anni ‘70 e ‘80 portando con sé i grandi  problemi legati al suo stato di conservazione precario anche nonostante l’impegno di spesa di 2.000.000 di lire del sindaco di Marino Lorenzo Cioci del 1983.

Fine Prima Parte – CONTINUA

Fra 15 giorni la 2° Parte:

–  Dagli anni ’90 al 2011, Il Mitreo in pericolo –

 

 

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook62Share on Google+0

2 Comments

  1. Vedremo se i grillini, dopo sessant’anni dalla scoperta, riusciranno nella titanica impresa di aprire al pubblico questo capolavoro dell’Umanità.
    Dove non sono riuscite amministrazioni di sinistra e di destra, riusciranno i pentastellati ?

  2. Attendo il segue… come sempre l’ottimo Marco Cavacchioli sa ricostruire con meticolosità e rigore storico, scientifico e cronologico. Non di meno riesce a divulgare un tipo di conoscenze delle cose che per molti sono sepolte sotto la polvere dei ricordi, mentre per altri c’è la sorpresa della conoscenza mai avuta prima. Grazie.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*