Argine Divino Amore: bene per lo stop dei cantieri a Mugilla, ma Zingaretti e la Regione sull’acqua da che parte stanno? Qui i link delle osservazioni alla VIA

— Comitati Ambientalisti contro il nuovo cemento a Marino

Comunicato Stampa del Comitato Argine via Divino Amore (ADA) –
Esprimiamo la nostra soddisfazione per la decisione assunta dal Comune di Marino circa due settimane fa di dare la Sospensiva alle costruzioni in corso nella zona Mugilla, su concessioni rilasciate nel periodo di gestione amministrativa del CentroDestra e dal Commissario Prefettizio, per il Progetto la Casa nel Parco, a Santa M. delle Mole, Marino. Le irregolarita’ in atto erano state oggetto ricorsi al TAR da parte del nistro comitato ADA  e di molteplici segnalazioni da parte di Comitati e Associazioni ambientaliste sin dal 2011 e l’atto di Sospensiva giunge come una decisione di saggezza, anche alla luce del processo di revisione degli standard, di applicazione delle norme del PTPG e del Piano di Rischio Aereo approvato dall’amministrazione di Marino e della possibile autotutela, delle istituzioni competenti, su tutta l’operazione speculativa avviata nel 2011 dal sindaco Adriano Palozzi.

Inoltre, vogliamo evidenziare la stupefacente contraddizione dell’azione politica della Regione Lazio guidata da Zingaretti e dal Centro Sinistra, che oggi si muove in difesa del bacino del lago di Bracciano, sfruttato nel passato fino quasi a condurlo alla morte con decenni di mala gestione urbanistica del territorio, e al contempo da quasi 5 anni è silenziosamente connivente con la cementificazione selvaggia legata a Marino, nell’area del Divino Amore/Mugilla/Mazzamagna, che porterebbe con quasi 20.000 nuovi abitanti ad una ulteriore esigenza portentosa di acqua, la stessa acqua che oggi rischia di mancare anche ai cittadini gia’ residenti.
A questo riguardo il comitato ADA ha presentato il 25 luglio scorso alla Regione Lazio alcune pesanti osservazioni alla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) avviata da IDEA FIMIT per la eventuale realizzazione di un Centro Commerciale da 100.000 mc di cemento in area Casale Negroni a Marino (vedi file in calce per i testi delle osservazioni). Molti comitati e associazioni locali hanno presentato osservazioni contro questa realizzazione e notizie di pesanti osservazioni oppositive giungono anche dal Comune di Marino e dalla Citta’ metropolitana di Roma. Sul fronte Regionale, invece, tutto sembra tacere, da Zingaretti, all’ass. Civita, al PD e tutto il centrosinistra regionale che, evidentemente, questo ‘affare’ del cemento al Divino Amore lo vorrebbe proprio realizzare contro ogni norma, buon senso e sana pianificazione urbanistica.”

Ecco i Link alle osservazioni alla VIA (Valutazione dell’Impatto Ambientale)  presentate da ADA in Regione Lazio per chiedere il rigetto del progetto Centro Commerciale Casale Negroni.

Osservazione ADA 1

Osservazione ADA 2

 

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Tweet about this on TwitterShare on Facebook32Share on Google+0

1 Comment

  1. Zingaretti, la Regione e il PD, anche quello locale, sono dalla parte dei palazzinari e degli speculatori, esattamente come la destra di Palozzi e Silvagni; lo dimostra il fatto che non hanno mai alzato un dito né detto una parola a supporto dei ricorsi al TAR presentati dai Cittadini, non hanno mai accolto le richieste di incontro fatte dal Sindaco di Marino, non hanno mai dato seguito ai divieti della Città Metropolitana (ex Provincia di Roma, rappresentata proprio da Zingaretti e dall’assessore Civita) e della ASL. PD = ZINGARETTI = PALAZZINARI = PALOZZI = POLVERINI = CEMENTO

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*